Uzbekistan

Decorazione front-end

Samarcanda, come tutto l’Uzbekistan, conserva il ricordo di tolleranza religiosa, dialogo e interscambio tra le diverse fedi, che viaggiavano insieme alle carovane lungo la Via della Seta. Non a caso il Tamerlano volle portare qui dalla Persia la tomba del profeta Daniele del V sec.

Anche a Bukhara non mancano i segni di convivenza religiosa: troviamo qui il pozzo scoperto – secondo la leggenda – dal profeta Giobbe, dove ancora oggi una fila continua di uzbeki riempie secchi di acqua considerata santa; e troviamo anche segni che testimoniano la presenza ininterrotta di una comunità ebraica lungo un millennio.

I cristiani arrivarono in queste terre molti secoli prima dei musulmani e se i papi Onorio IV e Niccolò IV fossero riusciti nel loro intento di convertire alla Chiesa di Roma i discendenti di Gengis Khan, forse oggi racconteremmo un’altra storia. Scelsero invece alla fine l’Islam, anche se inizialmente uno di loro aveva optato per il cattolicesimo.

  • Visitare la leggendaria Samarcanda

  • Incontrare i rappresentanti delle comunitĂ  religiose locali

  • Ammirare le mura della fortezza di Bukhara

Decorazione front-end
Decorazione front-end

Non hai trovato il viaggio per te?

Guarda altre idee di viaggio

Decorazione front-end