Cerca partenze
Newsletter
Seguici su..
dal04 nov
domenica
al15 nov
giovedì
a partire da
2900 €
12 giorni / 10 notti

Pellegrinaggio in Messico Con accompagnatore dall'Italia

Il Messico è un Paese di grandi e antiche culture, con più di 3.000 anni di storia, tradizioni, cultura. È anche il paese della grande fede e tradizione cattolica rappresentata dalla “Morenita-Nuestra Virgen de Guadalupe, la Madre de todos los Mexicanos”. Conosciuto anche come la Nuova Spagna, il Messico conserva l’eredità della cultura e religiosità europea, che con il passare degli anni si è fusa con la tradizione e credenza preispanica propria dell’America Latina e percettibile oggi giorno in ogni aspetto della vita della sua gente. La gentilezza, il sorriso e l’allegria della gente apre il cuore di chi lo visita.

Il viaggio
da
domenica, 04 novembre 2018
a
giovedì, 15 novembre 2018
durata
12 giorni / 10 notti
iscrizioni
 posti disponibili 
quota
€ 2900
minimo 20 partecipanti
suppl. singola
€ 410
supplemento pensione completa
€ 130 (valido solo se accettato da tutto il gruppo)
assicurazione medico-bagaglio-annullamento in camera doppia
€ 250
assicurazione medico-bagaglio-annullamento in camera singola
€ 270
cambio euro/dollaro
1,15
per info
piera@fratesole.com
Guida

fra Adriano Contran ofm

Commissario di Terra Santa per il Triveneto, il più antico tra i Commissariati della Custodia di Terra Santa in Italia: a Venezia si deve infatti la nascita di questa istituzione francescana, che risale al XIV secolo.

Documenti da scaricare

04 novembre, domenica: ITALIA / CITTA’ DEL MESSICO

Ritrovo dei partecipanti all’aeroporto concordato. Disbrigo delle formalità d’imbarco e partenza con volo di linea Alitalia per Città del Messico (via Roma Fiumicino), pasti a bordo. Arrivo e trasferimento in albergo: sistemazione e pernottamento.

05 novembre, lunedì: CITTA’ DEL MESSICO / TEOTIHUACAN / GUADALUPE

Mattinata dedicata al santuario di Nostra Signora di Guadalupe, edificato sulla collina del Tepeyac a nord di Città del Messico, dove la Madonna apparve quattro volte tra il 9 e il 12 dicembre 1531 a Juan Diego Cuauhtlatoatzin, un indio azteco convertito al cristianesimo.  Visita di Teotihuacan – “luogo ove nascono gli Dei” – dove si trova l’immensa Piramide del Sole, la Piramide della Luna e la Cittadella. Cena e pernottamento in albergo.

06 novembre, martedì: HUEJOTZINGO / PUEBLA / CITTA’ DEL MESSICO (150 km)

Partenza verso il “monasterio franciscano de Huejotzingo”, centro importante nel contesto della evangelizzazione in Messico. Huejotzingo ospita il tempio, l’enorme atrio con le sue cappelle e il museo gestito dall’ordine francescano. Continuazione per Puebla: il suo centro racchiude oltre settanta chiese e moltissimi edifici coloniali, alcuni decorati con “azulejos”, le ceramiche per le quali Puebla è famosa in tutto il mondo. Cena a Puebla e ritorno in serata a Città del Messico.

07 novembre, mercoledì: CITTA’ DEL MESSICO

Giornata dedicata alle visite di Città del Messico, cominciando dal museo di Antropologia, che raccoglie reperti ed opere d’arte delle differenti civiltà precolombiane succedutesi in Messico. Proseguimento nella zona coloniale della città, con la vasta Piazza della Costituzione, popolarmente chiamata “Zócalo”, la Cattedrale, il Palazzo presidenziale. Cena e pernottamento in albergo.

08 novembre, giovedì: TUXTLA GUTIERREZ / SAN CRISTOBAL DE LAS CASAS

Trasferimento in aeroporto e volo interno per Tuxla Guitierrez. In lancia privata visita del Cañyon del Sumidero. Si tratta di uno degli spettacoli più incredibili offerti dalla natura, composto da una gigantesca fenditura tra le montagne che si snoda lungo il corso del Rio Grijlva, dove in alcuni punti le pareti verticali arrivano a superare l’altezza di ben 1000 metri. Partenza per San Cristobal de las Casas e visita del centro. Tempo libero. Cena e pernottamento in albergo.

09novembre, venerdì: SAN CRISTOBAL DE LAS CASAS

Giornata dedicata alla visita guidata della città di san Cristobal e delle comunità indigene nei dintorni, in modo particolare: San Juan Chamula e Zinancantan, abitata dall’etnia Tzoziles, dedita alla produzione artigianale di tessuti ricamati a fiori colorati. Ritorno a San Cristobal e tempo per celebrare la Santa Messa. Oggi conosceremo la storia di Fray Bartolomè de Las Casas, fondatore nel XVI secolo della diocesi di San Cristobal e la vita di Don Samuel Ruiz il “Vescovo rosso degli indigeni”, che fu un grande promotore della cosiddetta “nuova evangelizzazione” e prossimo alla teologia della liberazione. La sua tomba nel cimitero comunale è stata recentemente visitata da Papa Francisco. Cena e pernottamento in albergo.

10 novembre, sabato: AGUA AZUL / PALENQUE

Partenza per le cascate di Agua Azul, viaggiando all’interno della verdissima sierra. Proseguimento per Palenque. Sistemazione in albergo, cena e pernottamento.

11 novembre, domenica: PALENQUE / CAMPECHE

Visita della zona archeologica di Palenque, importante centro religioso Maya in funzione tra il III e il IV secolo. Partenza per Campeche nella penisola dello Yucatan. Sistemazione in albergo, cena e pernottamento.

12 novembre, lunedì: CAMPECHE / UXMAL / MERIDA

Visita della zona archeologica di Uxmal, il cui ottimo stato di conservazione mette in luce una splendida città Maya,della quale colpisce la ricchezza e l’eleganza delle decorazioni in stile Puuc:  la Piramide dell’indovino, il quadrilatero delle Monache, il Palazzo del Governatore. Partenza per Merida. Sistemazione in albergo. Cena e pernottamento.

13 novembre, martedì: IZAMAL / CHICHEN ITZA / VALLADOLID / CANCUN

Prima sosta a Izamal, dove gli spagnoli edificarono il monastero di Sant’Antonio sopra la piattaforma di una grande piramide Maya, per venerare la Vergine Immacolata di Izamal. A seguire, visita del sito di Chichen Itza, le cui rovine si estendono su un’area di 3 chilometri quadrati. L’area comprende numerosi edifici di diversi stili architettonici, tra cui i più celebri sono la piramide di Kukulkan, l’osservatorio astronomico e il Tempio dei guerrieri. Il sito è stato annoverato nel 2007 fra le sette meraviglie del mondo moderno. Proseguimento per la bella città coloniale di Valladolid. Incontro con religiosi del posto e Santa Messa. Proseguimento per Cancun e sistemazione in hotel.

14 novembre, mercoledì: CANCUN / ITALIA

Trasferimento all’aeroporto di Cancun e partenza per Città del Messico. Cambio aereo e partenza con volo intercontinentale Alitalia (via Roma Fiumicino). Pernottamento e pasti a bordo.

15 novembre, giovedì: ITALIA

Arrivo in Italia e termine dei servizi.

La quota comprende/non comprende

La quota comprende

  • Volo intercontinentale Alitalia da Bologna a Città del Messico (via Roma) a/r in classe economica franchigia bagaglio 23 kg – altre città su richiesta.
  • Tasse aeroportuali Alitalia (€ 290 soggette a riconferma sino a 21 giorni prima della partenza).
  • Voli interni Mexico City/Tuxtla Gutierrez e Cancun/Mexico City.
  • Trattamento di mezza pensione (cena + colazione).
  • Sistemazione in hotel 4* in camera doppia con servizi privati.
  • Bus GT con aria condizionata.
  • Guida locale parlante italiano durante il tour.
  • Ingressi, visite ed escursioni inclusi come da programma.
  • Assicurazione medico bagaglio.
  • Kit e documentazione di viaggio.

La quota NON comprende

  • Bevande ai pasti.
  • Mance – offerte (70€ circa per persona)
  • Assicurazione assistenza all inclusive medico bagaglio annullamento (facoltativa ma consigliata)
  • Spese personali e tutto quanto non menzionato ne “la quota comprende”.

Voli (orari indicativi)

Voli Alitalia da Bologna

1  AZ1312  04NOV  Bologna/Roma Fiumicino        0640 0740
2  AZ 676   04NOV  Roma Fiumicino/Mexico City   1040 1725
3  AZ 677   14NOV  Mexico City/Roma Fiumicino   2330 1815+1
4  AZ1321  15NOV  Roma Fiumicino/Bologna        2115 2210

Alberghi (indicativi)

Hotels 4* Mexican Standard (o similari):

Mexico City: 4N – Royal Reforma http://www.hotelroyalreforma.com/

San Cristobal: 2N –  Mansion del Valle https://www.mansiondelvalle.com/

Palenque: 1N – Mision Palenque – http://www.hotelmisionpalenque.com/

Campeche: 1N – Castelmar – http://www.castelmarhotel.com/

Merida: 1N – Casa del Balam- http://www.casadelbalam.com/

Cancun: 1 N – Beach Escape (Villas Kin Ha) http://en.beachscape.com.mx/

Condizioni di vendita

Iscrizioni

Per partecipare ad ogni nostro viaggio occorre iscriversi compilando il modulo di preiscrizione online presente sulla pagina della partenza.

Acconto all’iscrizione:   €  1.000,00

2° acconto entro il 4 agosto: €1.000,00

Saldo entro 33 gg data partenza  + eventuale adeguamento valutario e tasse aeroportuali

 

Dati bancari per effettuare il bonifico:
Banca Popolare dell’Emilia Romagna – Ag. 16
Intestato a: FrateSole Viaggeria Francescana
Codice Iban: IT 35 D 05387 02416 000001170344
BIC/SWIFT
: BPMOIT22XXX
Indicare nella causale: nominativo e date di partenza

Preghiamo di inviare la copia del bonifico all’indirizzo e-mail indicato sulla pagina della partenza  e/o mezzo fax al numero 051/6447427.

Penali di cancellazione 

Se siete costretti a rinunciare al viaggio prenotato, verranno applicate delle penali, che hanno lo scopo di non far ricadere eventuali aumenti nei costi sugli altri partecipanti. Le penali sono proporzionali alla data di cancellazione, con riferimento ai giorni che mancano alla partenza da calendario, contando anche il sabato, la domenica e i festivi.

– 30% per annullamenti pervenuti entro il 03 settembre incluso

– 45% per annullamenti pervenuti dal 04 settembre al 04 ottobre incluso

– 80% per annullamenti pervenuti 05 ottobre al 31 ottobre incluso

– 100% per annullamenti successivi a tale data e in caso di mancata presentazione alla partenza

La comunicazione di annullamento è valida solo se perviene presso i nostri uffici in forma scritta (via email) ed entro le ore 17.00 del giorno indicato.

Informazioni utili

Documenti

Ai cittadini italiani è richiesto il passaporto individuale con validità residua di almeno 6 mesi oltre la data di partenza. I minori potranno viaggiare soltanto con un documento di viaggio individuale.

Per il Messico è necessario compilare la carta turistica, consegnata dalla compagnia aerea durante il volo e convalidata dalle autorità di frontiera al momento dell’entrata nel paese. La copia deve essere esibita e riconsegnata al momento della partenza. Si consiglia di fare riferimento alla Questura per ulteriori informazioni.

Igiene, salute e vaccinazioni

Non sono previste vaccinazioni obbligatorie. Raccomandiamo di bere solo liquidi imbottigliati e di astenersi dal mangiare verdure crude o frutta già sbucciata in quanto germi e batteri presenti in quelle regioni sono diversi da quelli a cui i nostri organismi sono abituati.

Lingua

La lingua ufficiale è lo spagnolo, ma sono largamente in uso dialetti indios. L’inglese è comunque diffuso e non manca chi parla o quanto mento capisce l’italiano.

Corrente elettrica

E’ necessario un adattatore di tipo americano a lamelle piatte. L’elettricità è a 110 volt.

Valuta

Si consiglia di portare esclusivamente dollari USA che potranno essere cambiati localmente presso banche ed uffici di cambio. Quasi ovunque vengono accettate le carte di credito più diffuse. In Messico l’unità monetaria è il Nuovo Peso, diviso in 100 centavos e soggetto a continue svalutazioni. Cambio 1 euro = 17 pesos.

Fuso Orario

Il Messico ha una differenza  rispetto all’Italia di -7 ore.

Geografia

Il Messico è lo stato più esteso dell’America centrale con i suoi 2.000.000 kmq, confina a Nord con gli Stati Uniti e a Sud con Guatemala e Belize.

La maggior parte del Messico è costituita da altipiani e montagne, solo un terzo del paese è pianeggiante. Vi sono cinque grandi regioni: l’altopiano centrale, la Sierra Madre, Altos del Chiapas, la pianura costiera del Golfo, e la Bassa California-Sonora. Il paese è attraversato da  due principali catene montuose, la Sierra Madre orientale e Occidentale, il cui picco più alto è il Pico de Orizaba (5500 mt).

Le isole di maggior flusso turistico sono Cozumel e Isla Mujeres adiacenti alla costa dello Yucatan.

Le città più importanti sono Guadalajara, Puebla, Monterrey e Veracruz.

A livello Idrografico Il fiume più lungo del Messico è il Rio Bravo che, per un lungo tratto, fa da confine tra Messico e U.S.A. sfociando nel golfo del Messico dopo 3000 km di corso; altri fiumi di una certa importanza li troviamo nella parte meridionale del Paese, come il Tehuantepec che sfocia nel golfo omonimo (oceano Pacifico) e il Papaloapàn (Golfo del Messico).

Clima

Il clima del Messico è tipicamente tropicale dovuto alla sua posizione geografica, data la vastità è opportuno distinguere il clima sulla base delle regioni e località, in quanto l’altitudine e la vicinanza al mare influiscono in modo decisivo.

Generalmente, si possono distinguere due stagioni, la stagione secca e asciutta va da novembre a maggio, le temperature massime sono elevate in genere sopra i 20°C, in alcune zone vi può essere una forte escursione termica durante le ore notturne; la stagione umida va da maggio a settembre, durante la quali precipitazioni abbondanti sono frequenti.

E’ possibile descrivere inoltre tre tipologie di clima:

– desertico semi desertico in alcuni stati del Nord (bassa California, Sonora, Durango) con scarse precipitazioni e alte temperature diurne.

– temperato, presente sull’altopiano oltre i 2000 mt ( città del Messico, Puebla, Toluca), clima secco e caldo in primavera, abbondanti precipitazioni in estate.

– Tropicale, presente nelle fasce costiere e a sud di città del Messico, in inverno la temperatura si aggira attorno ai 25/30°; nei mesi restanti le temperature raggiungono i 40 °, con frequenti piogge nei mesi estivi.

Cucina

La cucina messicana è saporita e speziata. Per fare alcuni esempi, le ’tortillas’, ’tacos’ e ‘burritos’, le ’enchiladas’, piatti molto noti ormai anche in Italia. Per non parlare del ’tequila’, liscia con limone e sale o nel famoso cocktail ’margarita’.

Storia 

La storia del Messico è una storia antica, caratterizzata da una grande  varietà di civiltà, a cominciare dai primi abitanti del paese, popolazioni asiatiche che attraversarono lo stretto di Bering al momento delle grandi glaciazioni. Il Messico fu la patria di civiltà avanzate, in primis gli Olmechi, dal 1200 ac al 500 dc, le cui tracce andarono quasi perse, ma furono decisivi per l’influenza culturale (l’invenzione della scrittura e del calendario).

Seguirono le civiltà di Teotihuacan (100 ac 650 dc), la città–stato più grande dell’età pre colombiana, la cui decadenza fu causata dai popoli del deserto del nord, i chichimeche.

Dal 200 dc al 700 dc si stanziarono gli Zapotechi, i quali istituirono città stato teocratiche, cui seguì lo sviluppo del dominio  Maya ( fino al 900 dc), una delle civiltà più avanzate, nota per la creazione di  importanti centri cerimoniali ( il cui simbolo è il tempio a forma di piramide a gradoni), fondarono la città di Chichèn Itza e Palenque ( tuttora presenti nel territorio messicano).

L’ inizio del periodo dei sacrifici umani cominciò con i Toltechi, dal 1000 al 1200, in seguito si stabilirono gli  Aztechi (1200 al 1500 dc), i quali  nel giro di 200 anni trasformarono il loro status di tribù nomade a quello d’impero con capitale Tenochtitlán, sui quali resti fu fondata l’odierna città del Messico.

Gli spagnoli sottomisero l’impero azteco nel 1517 grazie a 3 spedizioni, di cui l’ultima fu quella  decisiva capitanata da H. Cortès, nominato governatore della Nuova Spagna, assoggettò la città e prese il controllo dell’intero paese conquistando i regni indipendenti; in seguito  estese i suoi domini fino all’Arizona, Kansas, Oklahoma, New Mexico.

L’ amministrazione di questo nuovo stato fu affidato al vicerè Antonio de Mendoza, nominato da Carlo V.

Durante i 3 secoli di dominazione spagnola, la madrepatria si arricchì grazie allo sfruttamento delle popolazioni indigene nei ricchi giacimenti d’oro e argento, nei terreni agricoli, utilizzando la manodopera per la  costruzione di porti navali a Veracruz (oceano pacifico) e Acapulco (oceano indiano); a seguito di ciò la popolazione autoctona si ridusse drasticamente circa dell’ 80 a causa di  diversi fattori, tra cui le malattie importate dall’ Europa e le condizioni di vita sotto sfruttamento.

Gli anni successivi segnano la sconfitta (1848) messicana contro i vicini americani (con la conseguente rinuncia a molti territori del nord, tra cui il Texas) e l’intervento francese nel paese con la conquista del potere e la nomina ad imperatore Massimiliano d’Austria (1863), giustiziato pochi anni dopo. La figura politica più rappresentativa del successivo periodo è Porfirio Diaz che detiene il potere dal 1876 al 1911, mentre l’avvenimento più importante è la rivoluzione del 1910, guidata da Emiliano Zapata, che mirava ad una più equa redistribuzione delle ricchezze e che porta alla redazione della costituzione socialista del 1917.

Cultura

Con una popolazione di circa cento milioni di persone il Messico è una delle nazioni più popolate del mondo. Il 60% degli abitanti è di origine meticcia, soprattutto di discendenza spagnola; il 30% appartengono a varie nazioni indigene; il 9% degli abitanti è di origine europea invece il restante 1% è composta da ebrei, arabi, turchi, cinesi e giapponesi.

Il Messico è lo stato che ospita il maggior numero di statunitensi che vivono al di fuori degli U.S.A. Ciò è dovuto non solo ai legami economici fra i due paesi ma anche al fatto che il Messico è un’ottima meta di ritiro dalla vita frenetica. Nonostante il territorio messicano sia occupato da circa cinquantasei etnie, gran parte di queste parla lo spagnolo. Ufficialmente lo Stato non ha una lingua ufficiale ma riconosce sessantadue lingue amerindie, come il nahuatl, il maya e il lacandon. La lingua inglese, parlata in tutto il mondo, in Messico è conosciuta solo nelle grandi città e viene parlata solo dai giovani.

Di notevole importanza è la comunità di Chipilo nello stato di Puebla, fondata nel 1882 da immigrati provenienti dal Veneto. Mentre tutti gli altri europei di origine non spagnola hanno perso la loro lingua originaria, gli abitanti di Chipilo conservano in modo inalterato la lingua veneta parlato dai loro nonni. Nonostante ci siano delle divergenze sull’aspetto linguistico, per quanto riguarda la religione sembra che la popolazione sia concorde nel riconoscere come religione fondamentale quella cattolica, alla quale seguono varie confessioni protestanti. Alcuni amerindi, pur dichiarandosi cattolici, praticano in realtà una religione sincretista, che mescola il cristianesimo e alcuni elementi degli antichi culti aztechi e maya. Nelle principali città è diffusa: la Chiesa dei Santi dell’Ultimo Giorno; l’ebraismo e l’islamismo.

In Messico a partire dagli anni Cinquanta del Novecento sono state avviate numerose e incisive campagne governative per ovviare al dilagante analfabetismo; basti pensare che l’istruzione primaria è gratuita e obbligatoria per i bambini dai 6 ai 14 anni di età. I più importanti atenei sono l’Università nazionale autonoma e l’Istituto politecnico nazionale, entrambi con sede nella capitale; vanno citati anche l’Università autonoma del Puebla, oltre a quelle di Guadalajara e di Jalapa. Tra le principali istituzioni culturali citiamo inoltre il Museo nazionale di storia e il Museo nazionale di antropologia, entrambi a Città di Messico; infine è da ricordare il Museo archeologico di Mérida.

La cultura messicana è molto eterogenea; infatti le locali tradizioni degli amerindi si fondono con gli usi coloniali spagnoli e con gli stimoli provenienti dai confinanti Stati Uniti. Ancora oggi nelle aree rurali è viva la cultura degli indios, dei maya, degli aztechi e dei toltechi. Nelle zone urbane, invece, prevalgono le influenze europee e americane. Nella zona del Chiapas alcune popolazioni indigene non vedono di buon occhio i turisti, per la tendenza a far fotografie che vengono vissute in modo molto negativo perché considerate poco rispettose dei loro usi e costumi.

Nell’ambito della musica popolare la lista è molto ampia: va dalle danze tradizionali di origine india alla musica ranchera. Altro genere musicale è il corrido, derivato dalla romanza spagnola, con il quale si raccontano fatti di cronaca, storie e leggende. Gli stili tradizionali più frequenti nella canzone messicana sono: il son; la canción ranchera; i ritmi importati dai Carabi, come il mambo, la salsa e il merengue; il bolero e la cueca. Gli strumenti tradizionali, come tamburi doppi, nacchere, flauti, sonagliere, rasperai, sono utilizzati nelle feste durante le quali si eseguono danze indie.

Sicurezza: integrazione alle condizioni di vendita dei pacchetti turistici

Articolo 13, comma 4

“Inoltre, al fine di valutare la situazione sanitaria e di sicurezza dei Paesi di destinazione, e, dunque, l’utilizzabilità oggettiva dei servizi acquistati e da acquistare, il turista reperirà (facendo uso delle fonti informative indicate al comma 2) le informazioni di carattere generale presso il Ministero Affari Esteri che indica espressamente se le destinazioni sono o meno assoggettate a formale sconsiglio: la decisione del turista di usufruire del pacchetto all’esito di dette verifiche comporterà l’assunzione consapevole del rischio di viaggio, anche ai fini dell’esonero di responsabilità di cui all’art. 46 del Codice del Turismo”.

Quote

Le quote di partecipazione sono espresse in Euro. Si intendono sempre per persona in camera doppia e comprendono quanto indicato sopra. 30 giorni prima della partenza saranno adeguate in base al cambio euro/dollaro del giorno.

Tasse aeroportuali e adeguamento carburante

L’importo delle tasse aeroportuali e gli adeguamenti relativi al costo del carburante possono variare. Eventuali variazioni saranno quantificate e applicate entro e non oltre 21 giorni prima della partenza.

Bagaglio in stiva

Consigliamo di utilizzare valigie munite di combinazione o lucchetto. Ogni valigia deve essere etichettata: nome, cognome e recapito telefonico di chi parte. Deve inoltre recare all’andata l’indirizzo del primo albergo, al ritorno l’indirizzo di residenza o domicilio. In classe economica, la franchigia bagaglio è generalmente di 20 kg in stiva; eventuali eccedenze comporteranno al momento del check-in il pagamento di un supplemento di costo o il mancato imbarco della valigia: consultate i documenti di viaggio dove troverete le esatte indicazioni di peso da seguire.

Bagaglio a mano (in cabina)

Il bagaglio a mano consentito in cabina non deve mai superare specifiche misure (generalmente 23x36x56 cm) che consentano il suo posizionamento nelle cappelliere dell’aereo. È consentito un solo bagaglio a mano per persona, generalmente di peso non superiore agli 8 kg. È consigliabile inserire nel bagaglio a mano tutti gli oggetti di valore, i documenti personali e ciò che potrebbe servire in caso di smarrimento del bagaglio (biancheria di ricambio, medicine essenziali).

Smarrimento del bagaglio

Chi si appresta ad effettuare un viaggio in aereo in qualunque parte del mondo e con qualunque compagnia aerea, deve mettere in conto la possibilità che la propria valigia venga smarrita o danneggiata. In caso di smarrimento o danneggiamento, è necessario recarsi subito al banco Lost & Found presente nell’area bagagli di ogni aeroporto e presentare denuncia (modulo PIR = Passenger Irregularity Report). Non sarà possibile rintracciare il bagaglio o avere rimborsato il danno senza presentare una copia di tale denuncia. In caso di danneggiamento è consigliabile fotografare la valigia, per poter inviare le foto alla compagnia aerea. Siete pregati di inviare copia o immagine del PIR in agenzia il prima possibile e comunque entro 7 giorni dall’accaduto.

Precisiamo che è compito del vettore aereo rintracciare, recapitare ed eventualmente rimborsare una valigia smarrita: nulla può essere fatto né dall’Agenzia né dal corrispondente locale; inoltre, il vettore è tenuto a mantenere contatto diretto solo con il proprietario del bagaglio smarrito e solo quest’ultimo può ritirare il bagaglio nel caso in cui venga ritrovato. Informiamo inoltre i viaggiatori che la compagnia aerea e l’assicurazione sono responsabili del bagaglio solo limitatamente ai massimali di rimborso previsti del regolamento del Trasporto Internazionale e dall’assicuratore specifico: gioielli, oggetti di valore e somme di denaro presenti nel bagaglio non sono coperte da assicurazione.

Preassegnazione dei posti a bordo

Nel caso in cui la compagnia aerea prescelta lo consenta e a puro titolo di cortesia, l’Agenzia provvede alla preassegnazione dei posti a bordo in base alla disponibilità e cercando di venire incontro alle richieste ed esigenze dei passeggeri. Tale servizio non è sempre disponibile, ne è sempre possibile ottenerlo gratuitamente, e in ogni caso ogni compagnia aerea si riserva la facoltà di riconfermare e/o modificare il posto preassegnato, che quindi non deve essere mai considerato garantito. Consigliamo vivamente, in questo senso, di eseguire il check-in on line sul sito della compagnia aerea, disponibile da 24 ore prima della partenza del volo. La procedura di check-in online è a carico del viaggiatore. Il check-in online consentirà la scelta del posto a bordo e la stampa diretta della carta di imbarco. In caso di presenza di bagaglio da imbarcare, dovrete semplicemente consegnarlo presso i banchi del drop off in aeroporto.

Tipologia delle camere

Le prenotazioni presso gli alberghi sono fatte sempre per camere “standard”. La richiesta di camere matrimoniali è da ritenersi sempre una segnalazione e non una garanzia: potrà capitare l’assegnazione di camere doppie con letti singoli. Chi viaggia da solo è tenuto a corrispondere il supplemento per la camera singola. L’Agenzia, su richiesta, è disponibile a tentare abbinamenti con altri partecipanti, ma in nessun caso questi abbinamenti devono ritenersi garantiti. Il numero di camere singole disponibili è solitamente limitato e soggetto a riconferma.

Allergie e diete specifiche

L’Agenzia provvederà a informare i corrispondenti locali circa le specifiche richieste alimentari relative a diete speciali, ma tali richieste sono da considerarsi solo come segnalazioni. I viaggiatori sono sempre tenuti a verificare personalmente in loco la composizione dei cibi. L’Agenzia non si riterrà responsabile di eventuali problematiche in questo senso, restando in carico al viaggiatore la responsabilità di ciò che ritiene di potere o non potere mangiare.

Assicurazione inclusa nel pacchetto

Il pacchetto comprende assicurazione medico bagaglio Allianz Global Assistance, che offre una copertura di 10.000 € per spese mediche, 500 € per il bagaglio, 100 € per spese di prima necessità in caso di ritardo superiore alle 12 ore nella riconsegna del bagaglio. Sono assicurabili solo cittadini italiani o di diversa nazionalità purché residenti in Italia e in possesso del codice fiscale italiano. In caso di problemi di salute è necessario: avvisare tempestivamente la Centrale Operativa (trovate il numero nei documenti di viaggio), che si prenderà carico del sinistro; farsi sempre rilasciare certificati medici/ricevute delle prestazioni ricevute per successive richieste di rimborso.

Assicurazioni integrative e facoltative

Assicurazione Globy Verde. Vedere allegato al programma.

 

 

Ricordi di Viaggio
Blog, News, Eventi
Ricordo di viaggio dal Messico

Immagine inviata da padre Giovanni Bianchi ofm

continua
Gli Oscar premiano il Messico

Questa notte a Los Angeles si è svolta la cerimonia degli Oscar, che ha visto trionfare il film Birdman : ha infatti ricevuto la statuina ..

continua
Oaxaca: le meraviglie dell'artigianato messicano ai Musei Vaticani

Ha aperto il 10 dicembre - ai Musei Vaticani - la mostra dell'artigianato messicano degli artigiani della regione di Oaxaca: 1.200 pezzi ..

continua
Condividi
email whatsapp facebook twitter google plus pinterest
Richiedi informazioni

* dati obbligatori

Seguici su..
Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter,
ti informeremo su attività e proposte di viaggio!

© 2015 - "FrateSole Viaggeria Francescana" della Provincia S. Antonio dei Frati Minori - P.Iva/Cod.fiscale: 01098680372privacy policy