Stampa viaggio
Decorazione front-end

Pasqua a Istanbul

Decorazione front-end

Durata

5 giorni

Scopri subito tutte le date disponibili per questo viaggio!

Bisanzio, Costantinopoli, Istanbul… tanti nomi per una città decisamente fuori dal comune!

Istanbul è sicuramente una delle più belle città al mondo, divisa fra Europa ed Asia, un dualismo che ha sempre accompagnato la sua storia, la sua architettura, la sua cultura. Inutile raccontarla, le parole non renderanno mai l’emozione di chi l’attraversa, vi invitiamo a scoprirne la sua bellezza!

Decorazione front-end
Decorazione front-end

Programma

  1. 1
    1° giorno

    In mattinata partenza dall’aeroporto di Bologna (o altri aeroporti), arrivo ad Istanbul, incontro con la guida per una prima introduzione della città, il cui primo nome fu  Bisanzio, fondata da Byzas sul Bosforo a cavallo di due continenti attorno al Corno d’Oro. Costantino la fece capitale dell’impero nel 324, chiamandola “Nuova Roma” e successivamente  Costantinopoli. Quando nel 1453 cadde nelle mani degli ottomani, divenne la loro capitale  fino al 1923, col nome di Istanbul. Oggi é una moderna ed efficiente metropoli, centro commerciale e culturale di tutta la nazione. Sistemazione in albergo, cena e pernottamento.

  2. 2
    2° giorno

    Prima colazione e cena in albergo, pranzo in ristorante in corso di visite. Inizieremo la giornata con la visita della Basilica di Santa Sofia, costruita dall’imperatore Giustiniano sopra quella costantiniana e teodosiana che era dedicata alla Sophia, ossia la sapienza di Dio. Con l’ascesa degli ottomani venne trasformata in  moschea. Con la fondazione dello stato Turco fu sconsacrata ed adibita a Museo, fino al luglio 1920 quando un decreto presidenziale l’ha riaperta al culto islamico. Proseguiremo il nostro itinerario con la Chiesa dei Santi Sergio e Bacco, considerata  la “piccola moschea di Santa Sofia”, perché ne condivide i tratti architettonici. Non distante visiteremo la Cisterna Sotterranea, realizzata per rifornire i palazzi imperiali, spettacolare per le colonne di marmo che la sorreggono e la grandiosità dell’opera, che aveva una funzione pratica ma dove pare sia più importante la bellezza e l’armonia dell’ambientazione. Usciti ci troveremo nell’Ippodromo Teodosiano, proprio nel cuore della città antica con i tre obelischi. Non potrà mancare la passeggiata nel Gran Bazaar, che è costruito nel Foro di Costantino, dove si può vedere ancora la colonna a lui dedicata. Per chi lo desidera celebrazione della S. Messa della risurrezione nella Chiesa del San Antonio . Cena e pernottamento in Hotel.

  3. 3
    3° giorno

    Prima colazione e cena in albergo, pranzo in ristorante in corso di visite. La mattinata la dedicheremo alla visita del Palazzo di Topkapı, cioè la residenza dei sultani ottomani: la sua posizione è strategica e simbolica, domina il Bosforo, come a controllarne i traffici che correvano fra Mediterraneo e Mar Nero, ma la sua imponenza determinava la potenza e la sovranità su ogni cosa. Tutti rimarremo impressionati dalla sala del Tesoro (contente anche una reliquia del Buddha!) e dalle altre costruzioni. Per comprendere le svariate stratificazioni di questa città visiteremo la Chiesa Patriarcale di Santa Irene, costruita su resti di templi pagani, voluta da Costantino e dedicata alla Pace di Dio (Hagia Irene): qui si tennero anche alcune sedute del Concilio di Costantinopoli. Ancora, visiteremo la moschea Kalenderhane, una ex chiesa ortodossa convertita in moschea, che rappresenta uno tra i pochi esempi di una chiesa bizantina con pianta a croce greca con cupola. Ci  trasferiremo poi nel quartiere di Fatih, uno fra i più antichi che si affaccia sul Corno d’Oro. dove oltre la Moschea di Fethiye, sempre frutto della trasformazione di una chiesa,  avremo la possibilità di vedere le antiche case di legno, con ambulanti che vendono di tutto e gareggiano nell’offerta oltre che una gran numero di locali tipici. Rientro in albergo e pernottamento.

  4. 4
    4° giorno

    Prima colazione e cena in albergo, pranzo in ristorante in corso di visite. Partiremo verso il quartiere ebraico di Balat, unico nel suo genere, dove possiamo visitare un vero e proprio tesoro racchiuso nella chiesa di  San Salvatore in Chora: qui affreschi e mosaici del 1300 regnano incontrastati, ricoprendo ogni parte della chiesa bizantina. Il tema principale è l’Incarnazione e la Salvezza, mentre nella cappella funeraria il motivo iconografico è centrato sulla Risurrezione. Alrta costruzione particolare è il Palazzo Imperiale delle Blacherne, nella parte nord-ovest della città, addossato alle mura teodosiane di cui costituiva uno dei bastioni difensivi, presso la Porta d’Oro che  era la porta principale di Costantinopoli, usata nel corso delle cerimonie trionfali. Ci trasferiremo poi al mercato delle spezie, un tempo capolinea dei mercanti sulla via della seta, che con i suoi armoniosi colori e aromi ci porta in un mondo antico e quasi magico. La nostra giornata terminerà con un altro capolavoro: la Moschea di Solimano detto il Magnifico. La leggenda vuole che rivolgendosi al suo architetto disse: “Non verrò ricordato in futuro per le tantissime conquiste che ho realizzato ma per questa moschea”! Rientro in albergo e pernottamento.

  5. 5
    5° giorno

    Prima colazione e partenza per esplorare la Istanbul asiatica, con i quartieri di Uskudar, dove troviamo lo sgargiante Palazzo Beylerbeyi appena sotto il ponte del Bosforo. Il quartiere di Kuzguncuk, immerso nel verde, offre un ambiente tranquillo e in stile cittadino. Nella zona vicino ai moli dei traghetti nell’affollata zona costiera, si trova la Moschea Mihrimah Sultan a cupola. I caffè con vista sulla Torre della Fanciulla e Penisola Storica offrono vedute della vecchia Istanbul attraverso il Bosforo, se aperto (perché museo privato) potremo dare un’occhiata al Museo dell’Aquilone; é uno dei 18 musei di aquiloni al mondo e l’unico in Turchia, ha una vasta collezione di aquiloni raccolti da 6 continenti, da 33 Paesi. Attraverseremo il quartiere Kuzguncuk, un colorato distretto circondato da enormi platani, palazzi e case di legno, dove si può sentire la tradizionale vita del Bosforo. È il primo insediamento dove si stabilirono i non mussulmani, greci, armeni. Per arrivare al Centro del quartiere Kadikoy, all’ingresso del Bosforo, è famoso per il suo vivace mercato ittico e alimentare, dove è possibile acquistare tuti i tipi di cibo, olive e cozze. Boutique indipendenti, caffè alla moda e ristoranti anatolici si trovano nei colorati edifici di street art delle sue strade tortuose. Pranzo in ristorante e nel pomeriggio escursione in  battello per poter ammirare quanto percorso e visitato da un altro punto di vista, quello del Bosforo. Rientro in Hotel, cena e pernottamento.

  6. 6
    6° giorno

    Prima colazione e mattinata a disposizione nel centro pedonale per fare qualche altra visita o shopping. Verso le ore 12.30 partenza per l’aeroporto.

Decorazione front-end

Pasqua a Istanbul

Partenze Disponibili

  • Viaggio confermato
  • Ultimi posti disponibili
  • Sold out
Ci scusiamo, nessun pacchetto di viaggio trovato per questo viaggio.
Decorazione front-end

Vuoi ulteriori informazioni su questo viaggio?

Contattaci
Decorazione front-end

Sei un capogruppo?

Ottieni un preventivo ad hoc per il tuo gruppo.

Decorazione front-end
Chat di Messenger
Icona di Messenger