Cerca partenze
Newsletter
Seguici su..
8 giorni / 7 notti
Gustare e sentire la benedizione della vita di coppia nella terra di Israele

Pellegrinaggio in Terra Santa per coppie Io e te come una terra benedetta - Tour su richiesta per gruppi

La Bibbia è popolata da famiglie, da generazioni, da storie di amore e di crisi familiari, fin dalla prima pagina” ci ricorda papa Francesco.

L’alleanza di amore e fedeltà, di cui vive la Santa Famiglia di Nazaret, illumina (…) ogni famiglia, pur nella sua debolezza, può diventare una luce nel buio del mondo (…). L’unità alla quale occorre aspirare non è uniformità, ma una “unità nella diversità” o una “diversità riconciliata” in cui differenti “sfumature e accenti” arricchiscono il bene comune. (dalla Esortazione Apostolica Amoris Laetitia n. 8, 66)

  • Pensato per coppie che desiderano riscoprire e gustare la loro vocazione, attraverso un itinerario guidato nella Terra del Santo, lo sposo dell’umanità
  • Per gustare la Buona Notizia della vita di coppia nei grandi racconti della Scrittura, narrati e attualizzati nei luoghi biblici
  • Per scoprire la dimensione simbolica della vita a due, immagine del rapporto tra Dio e il suo Popolo e tra Gesù e la sua Chiesa
  • Per sperimentare la forza coinvolgente della drammatizzazione delle storie bibliche

1° giorno: ITALIA / TEL AVIV / VERSO IL DESERTO DEL NEGHEV
La terra arida: nel deserto per rivivere la sete dell’altro e lo stupore della sua presenza

Ritrovo dei partecipanti all’aeroporto richiesto; disbrigo delle operazioni d’imbarco e partenza con volo di linea per Tel Aviv transitando per l’aeroporto di Roma; all’arrivo partenza verso Sud, verso il Negev dove è vissuto Abramo: arrivo in località Sde Boker, sistemazione in Kibbutz, cena e pernottamento.

Nel deserto meditiamo su quanto il Creatore ha cominciato a fare per primo, ben prima che gli uomini e le donne esistessero, per ospitarli in una meravigliosa terra-giardino.

La terra arida ci aiuta a prendere coscienza della nostra sete di relazione e della presenza dell’altro al nostro fianco, dono mai scontato e bellissimo che il Creatore ha fatto all’uomo e alla donna, memoria della sua immagine e possibilità insieme della sua somiglianza.

2° giorno: MASHABEI SADE’ / EN AVDAT / AVDAT / KFAR HANOKDIM
La terra ristorata: la vita a due come ospitalità e ristoro che ripara il volto dell’umanità

In mattinata dopo aver contemplato il deserto di Zin, raggiungeremo la località di En Avdat, un’ oasi attraversata da un wadi, che risaliremo a piedi sino a raggiungere l’antica città nabatea di Avdat sul Mar Morto. Tempo per la visita. Proseguimento verso il deserto dell’Aravah in località Kfar Hanokdim. Sistemazione in campo tendato, cena e pernottamento.

Dio investe nuovamente su una coppia, Abramo e Sara, per riparare il volto dell’umanità sedotta, nella coppia originaria, dal Nemico e dalle sue menzogne.

La terra deserta è resa ospitale dall’accoglienza reciproca di Abramo e Sara, anche nelle loro debolezze e cadute, anzi proprio esse divengono occasione perché Dio manifesti la sua misericordia e mettono in luce il ruolo chiave delle coppie nel dare corpo e vita alla storia della salvezza. 

3° giorno: MASADA / WADI ARRUGOT / MAR MORTO / TIBERIADE
L’oasi: il corpo dell’altro come dono, pienezza di relazione e incontro con Dio

In mattinata saliremo a Masada per la visita all’antica fortezza erodiana per poi rinfrescarci nelle acque dolci del wadi Arrugot, che attraverseremo con i piedi dentro le acque basse del torrente (1 ora circa in andata e altrettanto in ritorno). In bus costeggeremo il Mar Morto sino a raggiungere il fiume Giordano rimanendo sempre nella sua depressione e lasciandoci sulla sinistra l’oasi di Gerico. In serata raggiungeremo le acque vive del lago di Tiberiade. Sistemazione in albergo | casa religiosa, cena e pernottamento.

La terra desertificata delle relazioni umane basate sul dominio dell’altro si apre alla dolcezza dell’oasi; essa, con la freschezza delle sue acque ed i suoi colori è lo sfondo per incontrare il Cantico dei Cantici, considerato lo scrigno del tesoro, il cuore delle Sacre Scritture. L’amore descritto nel Cantico è il tenero e appassionato idillio di un uomo e una donna carnali, instancabilmente tesi al desiderio e alla contemplazione della bellezza del corpo dell’altro…

4° giorno: WADI HAMMAN / CAFARNAO / EIN GHEV / TABGHA / TIBERIADE
Il giardino: il noi della coppia come condivisione di diversità a immagine di Gesù

In mattinata ammireremo la regione galilaica e l’omonimo lago dall’alto del Wadi Hamman. Scenderemo a Cafarnao per visitare la casa di Pietro e a seguire traversata in battello del lago e pranzo sulla costa orientale in località Ein Gev. Nel pomeriggio visita ai luoghi più significativi che hanno fatto da sfondo all’attività messianica di Gesù: Tabgha (chiesa della Moltiplicazione di pani e chiesa del Primato di Pietro) Monte delle Beatitudini… Rientro in albergo | casa religiosa, cena e pernottamento.

La Galilea è la regione giardino in cui Gesù cresce e inizia la sua missione di annuncio della misericordia di Dio. Così la coppia è un giardino di relazioni nuove con la sua condivisione di diversità, immagine delle relazioni che instaura Gesù. Egli, da amico appassionato degli uomini, è pronto a donarsi come pane ed infine con tutto se stesso. Scopriamo lo stile degli incontri di Gesù, che rialza le persone e ridona vita, stile con cui invia in missione la sua Chiesa ed in cui la coppia è maestra di vita.

5° giorno: CANA / NAZARETH / BETLEMME
La terra feconda: il noi della coppia come luogo di intimità e moltiplicazione della vita

In mattinata ci trasferiremo a Cana di Galilea, dove c’è la memoria del primo segno di Giovanni; sosta a Nazareth per la visita alla Basilica dell’Annunciazione e a quella di San Giuseppe. Tempo per la riflessione e partenza per la Giudea con sosta a Betlemme, visita alla Basilica della Natività e al Campo dei Pastori che fa memoria dell’incontro dei pastori con gli Angeli. Incontro con comunità cristiane locali significative. Sistemazione in albergo | casa religiosa, cena e pernottamento.

La coppia umana nella sua piccolezza è il luogo privilegiato in cui Dio si rende presente, come avviene nel primo segno di Gesù, rivolto ad una coppia di sposi. C’è un linguaggio di intimità tra gli sposi che rende la coppia capace di generare e far crescere la vita, in questo modo gli sposi condividono la missione divina di diffondere la vita in abbondanza. Anche Gesù nasce in una famiglia e al suo interno la Buona Notizia si fa carne, prende spazio attraverso i gesti di accoglienza e di cura di una famiglia.

6° giorno: GERUSALEMME
La terra contesa: il conflitto nella coppia e l’esperienza del perdono

Partenza per Gerusalemme con sosta sul monte degli Ulivi per contemplare la città dall’alto, raggiungendo Betfage con sosta alla basilica del Pater Noster e al dominus Flevit dove Gesù piange sulla città. Sistemazione in casa religiosa ed inizio delle visite in città a partire dalla chiesa di san Pietro in Gallicantu, dove si ricorda il rinnegamento di Pietro. Poi il Sion cristiano: visita al Cenacolo, dove faremo memoria dell’ultima cena e della discesa dello Spirito Santo, al Cenacolino francescano, alla Basilica della Dormizione. Cena e pernottamento in casa religiosa.

In questa giornata ripercorriamo i luoghi dove Gesù ha trascorso i suoi ultimi giorni. In particolare, nel Cenacolo facciamo memoria dell’eucaristia: Gesù si fa piccolo come un pezzo di pane e un bicchiere di vino per essere a disposizione di tutti, gratuitamente, anche di chi lo sta tradendo o abbandonando. Fino all’ultimo ha parole di perdono e di misericordia per tutti. In questo modo ci fa vedere che l’amore è più forte del male, che l’amore dura per sempre. Anche la coppia e la famiglia a volte vengono ferite dal conflitto ma sono capaci di perdono e di scegliere di amare, a simbolo del mistero grande di consegna di sé di Gesù.

7° giorno: GERUSALEMME
La terra donata: La sponsalità come consegna completa di sé a immagine di Gesù

In mattinata saliremo alla basilica del Getzemani: la lettura del vangelo ci introdurrà nel mistero della decisione di Gesù di consegnarsi, dopo una notte trascorsa a pregare nell’orto. Visita alla Grotta dell’arresto e alla chiesa ortodossa della Tomba di Maria. Nel pomeriggio raggiungeremo a piedi la via “Dolorosa”, chiamata così perché essa vuol seguire la via che percorse Gesù dal Pretorio al Calvario. Partenza dalla Porta dei Leoni e visita alla Chiesa di Sant’Anna e alla Piscina Probatica; visiteremo poi la Chiesa della Flagellazione; la 6° stazione (dedicata a Veronica); la 9° stazione (dove si trova il patriarcato copto); il Monastero russo dedicato a S. Alessandro Nevski, dove si trova una soglia che può essere messa in relazione con l’antica porta delle Mura di Gerusalemme che Gesù ha varcato per salire al Calvario. Raggiungeremo infine la Basilica della Resurrezione, con la visita approfondita al Calvario e al Santo Sepolcro.

Gesù ci fa vedere, offrendo la propria vita volentieri, che Dio è amore e non teme di offrirsi fino in fondo, come avviene tra gli sposi con la cura reciproca fino alle soglie della vita. La visita al Santo Sepolcro intende allora infonderci una grande speranza: vedere la tomba vuota di Gesù ci ricorda che anche noi siamo destinati a risorgere anima e corpo. Come possiamo credere che sia veramente risorto? Prima di tutto, facendo memoria del modo in cui è morto, a cominciare dalle ultime ore della sua vita, raccontate nelle stazioni della via crucis.

8° giorno: ABU GOSH / TEL AVIV / ITALIA
La terra risorta: chiamati in due ad una vita rinnovata

In mattinata, trasferimento in pullman per Emmaus | Abu Gosh, dove si ricorda l’incontro dei due con il Risorto (secondo alcune interpretazioni, una coppia di sposi), i quali lo riconobbero allo spezzare del pane (cfr. Lc 24,13-35). Proseguimento per Tel Aviv e disbrigo delle operazioni d’imbarco e partenza con volo di linea per l’Italia.

La domenica mattina sono le donne, spose e madri, le prime testimoni della risurrezione, invitate a portare la buona notizia prima di tutto in famiglia e da lì a tutto il mondo.  Scoprire la buona notizia che il Signore vince la morte e anche le nostre situazioni di morte è quello che accade ai due di Emmaus, tristi ed in fuga, delusi. Gesù risorto si prende cura di loro, li ascolta, li conforta. Come hanno fatto a riconoscerlo? Gli hanno confidato le loro tristezze, si sono lasciati scaldare il cuore dalla sua Parola, lo hanno invitato ad entrare nella loro casa. Questo itinerario simbolicamente è un invito anche alla coppia ad aprirsi alla sua Parola e all’incontro con Lui che rinnova sempre la vita.

Blog, News, Eventi
Deserti e acque della Terra Santa: una galleria di immagini

Pubblichiamo le belle foto dell'itinerario svolto in agosto da un gruppo guidato da fra Mirko Montaguti ofm conv: la bellezza del deserto ..

continua
La Bibbia nascosta

Il racconto di 150 anni di ricerche, scoperte straordinarie e storie incredibili.

continua
Betlemme tra cielo e terra

Un viaggio per scoprire i segreti della piccola città palestinese e approfondire la Natività di Gesù e le figure che ne sono ..

continua
Ricordi di viaggio: Pellegrinaggio in Terra Santa con padre Giulio Michelini

Pubblichiamo le immagini dei pellegrini che si sono recati in Terra Santa con padre Giulio Michelini dal 25 settembre al 2 ottobre ..

continua
Ritorno a Gerusalemme

Un libro-guida con un percorso per visitare la Terra Santa avendo come traccia le prime cinque lettere pastorali di Carlo Maria Martini.

continua
Camminando sui sentieri di Gesù: un racconto del trekking biblico in Terra Santa

"Sulle orme di Gesù" a Gerusalemme ha un significato denso e vero. Puoi proprio mettere i piedi dove li ha messi lui, sia dove è ..

continua
Latte, miele e falafel (III ed.)

Un lucido ritratto di Israele a partire dai suoi abitanti, corredato da un’attenta analisi dello storico Bruno Segre a 70 anni ..

continua
L'ultima cena in versione francescana!

© Opera d'arte realizzata dai giovani del SOG francescano, in questi giorni in Terra Santa per il loro pellegrinaggio annuale!

continua
Ricordi di viaggio: Paolo Butta pellegrino in Terra Santa

Riceviamo e pubblichiamo con grandissimo piacere le immagini del viaggio effettuato dal sig. Paolo Butta i Terra Santa, alla fine di ..

continua
Ricordi di viaggio: in pellegrinaggio in Terra Santa con fra Matteo Brena

...e non potevano mancare le immagini dai pellegrinaggi in Terra Santa animati in agosto da fra Matteo Brena! Eccole, inviate direttamente ..

continua
Condividi
email whatsapp facebook twitter google plus pinterest
Richiedi informazioni

* dati obbligatori

Seguici su..
Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter,
ti informeremo su attività e proposte di viaggio!

© "FrateSole Viaggeria Francescana" della Provincia S. Antonio dei Frati Minori - P.Iva/Cod.fiscale: 01098680372privacy policy