Cerca partenze
Newsletter
Seguici su..
FrateSole Viajes y Peregrinaciones - Viajar con fe, arte y cultura

Le sette piante della Terra d’Israele: l’orzo

Terra di frumento, di orzo, di viti, di fichi e di melograni; paese di ulivi di olio e di miele. (Dt 8,8)

La Terra promessa è la terra di latte e miele, terra che dona al popolo ciò di cui ha bisogno, terra che nutre, protegge e custodisce. Nella Bibbia il cibo ha un valore simbolico, rappresenta il bisogno dell’uomo di nutrimento, non solo fisiologico ma anche spirituale. Nutrirsi ha un valore di sacralità, preparare il cibo è un rituale e la tavola è il luogo delle relazioni e dei ricordi: a tavola non ci si siede, la tavola la si abita!

La seconda pianta menzionata nel passo della Bibbia è l’orzo: la sua importanza rituale è evidente nei versetti del libro del Levitico (23, 10-16), dove si racconta che il secondo giorno della Pesach è comandato di portare al Tempio un’offerta di un omer d’orzo e 49 giorni dopo, la sera precedente alla festa di Shauvot, di un omer di grano. E’ una prescrizione legata al mondo agricolo e attiene a quel rapporto antico tra l’uomo e la terra: l’orzo, maturando prima del grano, segna l’inizio della stagione dei raccolti primaverili, simboli di vita, abbondanza e nutrimento.
Accanto a questo significato, il precetto rivela una narrazione più complessa: il “conteggio dell’omer”, ossia i 49 giorni che intercorrono tra l’offerta dell’orzo e l’offerta del grano, segna il passaggio tra due momenti cruciali della storia del popolo ebraico, l’uscita dall’ Egitto (Pesach) e il dono della Torah sul Sinai (Shauvot).
Ogni ebreo ripercorre questi momenti contando ad alta voce il numero dei giorni e recitando una benedizione (beracka); è un computo particolare perché i giorni non vengono chiamati in ordine decrescente, ma si sommano l’uno all’altro rappresentando, così, le tappe di un movimento, di un cammino. Si tratta di uscire con un atto di coraggio dal proprio vissuto e dirigersi verso un luogo sconosciuto dove costruire la propria libertà e la propria identità. E’ un tempo necessario perché, se da un lato la liberazione da un nemico esterno si risolve nel momento in cui vengono spezzate le catene, dall’altro uscire dalla schiavitù interiore richiede pazienza, attesa, umiltà e disciplina.

Dopo la distruzione del Tempio di Gerusalemme (70 d.C.), il significato agricolo del conteggio dell’omer rimase solo un ricordo e divenne, invece, fondamentale il suo significato simbolico. Padre Giulio Michelini in un libro molto interessante scritto in collaborazione con G.Gillini e M.Zattoni spiega perfettamente questa simbologia:

In questo tempo si fa il conteggio dei giorni dell’omer (una misura di grano di ca. 2 litri), ovvero dell’offerta d’orzo che doveva essere ripetuta tutti i giorni fino a Pentecoste, ma in realtà ci si prepara a ricevere di nuovo le parole di Dio, date a Mosè sul Sinai, e ora date ad ogni credente che vuole ascoltarle e metterle in pratica. Sarà nella lettura cabalistica che questo periodo tra Pasqua e Shavuot diventerà un vero e proprio percorso di accrescimento spirituale e di liberazione, dove ognuno dei 49 giorni corrisponde a una caratteristica della personalità sulla quale lavorare e che può essere migliorata; l’ultimo giorno, il cinquantesimo, non si può fare più nulla, perché è Dio, con la sua grazia, che agisce e compie l’opera.
G. Michelini, “Tra Israele e i pagani, tra il Sinai e il Sion”, in G. Gillini – M. Zattoni – G. Michelini, Rut. La straniera coraggiosa, San Paolo 2009, pp. 35-97

Nella cucina ebraica l’orzo viene utilizzato in molte preparazioni, in particolare nel Cholent, uno spezzatino che si prepara il venerdì e si consuma durante il pranzo dello Shabbat. Oggi tuttavia vi propongo un piatto che appartiene alla tradizione della mia famiglia e che ancora oggi viene preparato una volta alla settimana: “la minestra d’orzo”. E’ una ricetta molto semplice ma dal gusto genuino e prezioso.

Ricetta della minestra d’orzo

Ingredienti

2 patate
150 gr di orzo perlato
1 carota
1 sedano
1 cipolla tritati
Pochissima passata di pomodoro
Alloro
Olio
Sale

Lasciare in ammollo l’orzo per una notte. Soffriggere sedano, carota e cipolla con 3 cucchiai d’olio. Tagliare le patate a metà e versarle nella pentola, aggiungere acqua calda, sale, alloro e due cucchiai (rasi) di passata di pomodoro. Cuocere per 20 minuti e portare ad ebollizione. Quando bolle aggiungere l’orzo, abbassare la fiamma e cuocere per 1 ora.  Al termine schiacciare le patate con una forchetta, rimescolare e servire. Buon appetito!

 

articolo e ricetta della nostra collega Francesca Arnstein

Condividi
email whatsapp telegram facebook twitter pinterest
Contattaci

* dati obbligatori

FrateSole Viaggeria Francescana
agenzia viaggi tour operator
UFFICIO DI BOLOGNA:
Via Castiglione, 14 - Bologna
tel: 051 6440168 - fax: 051 6447427
email: info@fratesole.com

UFFICIO DI ROMA:
Via Francesco Berni, 6 - Roma
tel: 06 77206308 – fax: 06 77254142
email: pellegrinaggicustodia@fratesole.com


IBAN: IT35 D 05387 02416 000001170344 (Banca Popolare dell’Emilia Romagna)
Versione spagnola
FrateSole Viajes y Peregrinaciones - Viajar con fe, arte y cultura
Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter,
ti informeremo su attività e proposte di viaggio!

Iscriviti!
Seguici su..
© "FrateSole Viaggeria Francescana" della Provincia S. Antonio dei Frati Minori - P.Iva/Cod.fiscale: 01098680372
privacy & cookie policy
 
Aggiornamento partenze

Con l’evolversi della situazione sanitaria ed il nuovo DPCM, noi di FrateSole abbiamo deciso di prenderci una piccola pausa e sospendere le partenze previste fino al 3 dicembre.

Mettiamo in pausa i viaggi, ma continuiamo ad andare lontano con la mente: tra mail, telefonate e videochiamate, stiamo disegnando i vostri viaggi di domani!
Continueremo ad esplorare il nostro paese e a farvi conoscere casa nostra…ma al tempo stesso stiamo già anticipando il momento in cui potremo tornare nella nostra seconda casa, in Terra Santa!

Nel frattempo, vi terremo compagnia con approfondimenti, curiosità e ricordi dalla Terra Santa e dal resto del mondo.

Ci vediamo…per il momento online!

In verità, il viaggio attraverso i paesi del mondo è per l’uomo un viaggio simbolico. Ovunque vada è la propria anima che sta cercando. Per questo l’uomo deve poter viaggiare. – A. Tarkowsky

Ricordiamo che:

  • Gli uffici di via Castiglione 14 a Bologna sono aperti dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 13 solo previo appuntamento telefonando al numero 051/644 01 68.
    L’ufficio di via d’Azeglio è chiuso al pubblico.
  • L’ufficio di Roma è chiuso al pubblico, aprirà solo previo appuntamento telefonando al numero 06/772 06 308

 

continua →