Cerca partenze
Newsletter
Seguici su..

Magdala: un sito archeologico eccezionale

L’area di Magdala di proprietà dei Legionari di Cristo confina con un terreno acquisito più di un secolo fa dai francescani della Custodia di Terra Santa. Lì i primi scavi archeologici risalgono agli anni Settanta ma poi si interruppero. Furono ripresi nel 2006 da Stefano de Luca. Si deve a lui la scoperta dei resti di un porto romano con uno dei più lunghi moli. Vennero alla luce anche ampolle di vetro contenenti residui di un antico profumo. Le stagioni di scavo successive hanno restituito i resti di un monastero bizantino, di edifici della città romana e bizantina di Magdala e porzioni di un complesso termale. Ma la scoperta eccezionale è datata fine 2009, quando nel sottosuolo fu scoperto un centro urbano del I secolo d.C. La ricchezza culturale e storica del luogo, sia per gli ebrei sia per i cristiani, impose l’apertura di un cantiere archeologico e ritardò la costruzione di un centro per i pellegrini nonché la modifica dei piani originari. Gli scavi furono condotti sotto la supervisione dell’Autorità israeliana per le antichità, che, per la prima volta, ha consentito il coinvolgimento di un ateneo messicano, l’Università Anáhuac México. Tra le scoperte più importanti fino ad oggi, c’è una sinagoga di 100 metri quadrati decorata con affreschi e mosaici. Al centro di quello spazio è stata rinvenuta una pietra a forma di parallelepipedo scolpita con rosette, un candelabro a sette bracci circondato da due anfore, e piccole colonne agli angoli. Potrebbe trattarsi di una rappresentazione del Secondo Tempio di Gerusalemme (l’originale della stele si trova oggi a Gerusalemme. In loco è rimasta una copia). Sono anche venute alla luce monete di un periodo tra il 29 e il 64 d.C., che confermano che Magdala si trovava strategicamente sulla strada che collegava Nazaret e Cafarnao, luogo dove Gesù si stabilì durante il suo ministero pubblico.

Il ritrovamento della sinagoga ha una significativa importanza anche per le origini del cristianesimo perché fino alla distruzione del Tempio di Gerusalemme i credenti in Cristo condividevano con gli ebrei le loro sinagoghe. Solo dopo la distruzione del Tempio, infatti, cominciò una più netta separazione tra ebrei e cristiani. È quindi probabile che nella sinagoga, dopo la morte e risurrezione di Gesù, si riunissero anche coloro che erano stati testimoni oculari della sua vita terrena e della sua predicazione. L’aula di preghiera, oltre ad essere frequentata da Gesù in persona durante la sua vita pubblica, sarebbe quindi stata testimone anche della nascita delle prime comunità giudeocristiane.

Blog, News, Eventi
I capolavori delle collezioni dei Francescani di Terra Santa

Giovedì 2 luglio ore 17:30, presentazione del volume "Selected Works from the collections of the Terra Sancta Museum". Qui i link alla ..

continua
Riaperto il Saxum Visitor Center

Il Saxum Visitor Center aiuta i pellegrini a comprendere meglio gli eventi chiave dall’epoca di Abramo a quella di Gesù, allo scopo di ..

continua
Terra Santa: Custodia di Terra Santa, ordinati cinque nuovi sacerdoti

Cinque nuovi sacerdoti ordinati ieri, nel giorno della Solennità dei Santi Pietro e Paolo, presso la chiesa di San Salvatore nella Città ..

continua
Tel Aviv, la non-Stop City

Tel Aviv, la non-Stop City riconosciuta a livello internazionale come una delle mete più trendy, riparte grazie alla sua straordinaria ..

continua
A Gerusalemme riapre anche la Garden Tomb

Anche la Garden Tomb si inserisce nel processo di riapertura di tutte le chiese della diocesi di Gerusalemme, ufficialmente comunicata da ..

continua
Magdala: un sito archeologico eccezionale

Andiamo a scoprire qualcosa di più sull'importante parco archeologico di Magdala, classificata tra le 25 “attrazioni” più popolari in ..

continua
Israele: Jesus Trail

Scopriamo un trekking ancora poco conosciuto, della durata di quattro giorni da Nazareth al Lago di Tiberiade, tra terreni pianeggianti ..

continua
Festività ebraiche: lo Shavuot

Se nei tempi antichi, a Shavuot gli ebrei si recavano in pellegrinaggio presso il Tempio di Gerusalemme per offrire, in ringraziamento a ..

continua
Israel National Trail

L’Israel National Trail, è stato riscoperto negli ultimi tempi grazie a percorsi adatti un po’ a tutte le età, ma soprattutto a ..

continua
Israele: spiagge affollate a Tel Aviv

Voglia di mare? Lo scorso weekend le spiagge di Tel Aviv sono state letteralmente prese d’assalto a causa di una forte ondata di calore ..

continua
Condividi
email whatsapp telegram facebook twitter pinterest
Contattaci

* dati obbligatori

FrateSole Viaggeria Francescana
agenzia viaggi tour operator
UFFICIO DI BOLOGNA:
via M. D'Azeglio, 92/d Bologna
tel: 051 6440168 - fax: 051 6447427
email: info@fratesole.com

UFFICIO DI ROMA:
Via Francesco Berni, 6 Roma
tel: 06 77206308 – fax: 06 77254142
email: pellegrinaggicustodia@fratesole.com


IBAN: IT35 D 05387 02416 000001170344 (Banca Popolare dell’Emilia Romagna)
Seguici su..
Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter,
ti informeremo su attività e proposte di viaggio!

Iscriviti!
© "FrateSole Viaggeria Francescana" della Provincia S. Antonio dei Frati Minori - P.Iva/Cod.fiscale: 01098680372
privacy & cookie policy
chiama
051 6440168
whatsapp
327 1533257
email
info@fratesole.com