Cerca partenze
Newsletter
Seguici su..
FrateSole Viajes y Peregrinaciones - Viajar con fe, arte y cultura

Alla scoperta dei 10 siti naturali più famosi di Israele

Forse non tutti sanno che in un paese dalle dimensioni ridotte come Israele esistono ben 10 aree naturali protette, dove la fauna selvatica viene costantemente salvaguardata e tutelata. Alcune saranno note ai nostri lettori perché le inseriamo spesso nei nostri tour FrateSole, come Makhtesh Ramon,  Ein Gedi e Banias, ma siamo sicuri che molte altre vi riserveranno piacevoli sorprese!

Ne parliamo oggi in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente: unisciti a noi in questo rapido tour fra le dieci più incredibili riserve naturali di Israele!

  • 1) Enot Tsukim: è una riserva naturale e sito archeologico sulla riva nord-occidentale del Mar Morto, a circa tre chilometri a sud di Qumran in Cisgiordania. All’interno della riserva vi è un gruppo di sorgenti d’acqua salmastra, suddivise in una sezione aperta ai visitatori, con piscine di acqua minerale per il bagno circondate da rigogliosi alberi e piante autoctone, e da una sezione che è chiusa ai visitatori per proteggere la flora e la fauna, riservata solo agli studiosi. Dagli ultimi ritrovamenti archeologici, pare che il sito fosse utilizzato anche per l’estrazione del colore indaco dai molluschi, e per la preparazione di vino o miele.
  • 2) Valle di Hula: è situata nell’alta Galilea nel nord di Israele, in un contesto naturale davvero interessante; è infatti delimitata a est dalle Alture del Golan, a nord dal Monte Hermon ad ovest dai monti di Naftali e a sud dal Mar di Galilea, ed è solcata dal fiume Giordano, il quale funge da immissario e da emissario del lago di Hula, il principale bacino d’acqua della regione. Ogni anno migliaia di appassionati si appostano per il birdwatching, affascinati dall’osservazione degli uccelli migratori che qui sostano nelle acque del bacino. L’intera valle, dall’economia prevalentemente agricola, grazie all’abbondanza di acqua dolce, ospita una popolazione di circa 40.000 abitanti, la maggior parte concentrati nella città di Kiryat Shmona.
  • 3) Makhtesh Ramon: probabilmente il più noto e spettacolare fra i parchi naturali. Si tratta di una formazione geologica nel deserto del Negev. E’ il più grande cratere del mondo con una estensione totale di 360 km² ed una profondità di 500 metri, situato al culmine del monte Negev, a circa 85 km a sud della città di Beersheba. L’unico insediamento umano nella zona è la cittadina omonima di Mitzpe Ramon che si trova sul bordo settentrionale del cratere. Oggi il cratere e l’area circostante con la sua riserva nazionale, costituiscono il più grande parco nazionale di Israele. Nel punto più profondo del cratere (denominato Ein Saharonim), risiede l’unica fonte d’acqua naturale, che sostiene gran parte della fauna selvatica tra i quali l’asino selvatico asiatico e lo stambecco della Nubia.
  • 4) Eilat Coral Reef : copre 1,2 chilometri di costa, ed è la barriera corallina d’acqua poco profonda più settentrionale del mondo. È nota per le immersioni e la ricerca, ed è stata fondata dalla Israel Nature and Parks Authority. Nel punto più meridionale della riserva  si trova il Coral World Underwater Observatory, il più grande acquario pubblico del Medio Oriente. È stato inserito tra i New York Times Places to Go nel 2019.
  • 5) Monte Hermon: è un massiccio montuoso al confine tra Israele, Siria, Libano. Costituisce la parte più meridionale della catena dell’Antilibano. È formato da tre cime, la più alta delle quali raggiunge i 2.814 m, che risulta essere anche la cima più alta di Israele che in inverno si ricopre completamente di neve. La roccia che lo compone è di tipo calcareo. La zona è ricca di sorgenti d’acqua ed una di queste forma il fiume Banyas che costituisce uno degli affluenti del Giordano. Curiosità: il Monte Hermon viene spesso citato nella Bibbia, in quanto confine nord della Terra promessa, e come luogo possibile della trasfigurazione di Gesù, in alternativa al Monte Tabor.
  • 6) Stalactite Cave: la grotta di Avshalom, nota anche come grotta di Soreq o grotta di stalattiti, è una grotta di 5.000 m² sul lato occidentale del monte Ye’ela, sulle colline della Giudea, unica per la sua densa concentrazione di stalattiti e altre formazioni rupestri, scoperta per caso nel 1968.
  • 7) En Gedi Ein Gedi: è un’oasi adagiata sulla sponda occidentale del mar Morto. Dal 1972 è divenuto parco nazionale, al fine di tutelare il ricco ecosistema del luogo. Degna di nota è la cascata di Davide, la più importante del parco, alta diverse decine di metri. Nell’oasi sono presenti numerose grotte naturali. Sono state scoperte inoltre, delle anfore del VII secolo a.C. e i resti di una sinagoga del V-VI secolo a.C a tre navate con parte di mosaici che riportano figure animali e floreali.
  • 8) Yotvata Hai-Bar: è un centro di riproduzione e ri-acclimatazione di 3000 acri amministrato dall’Israel Nature Reserves & National Parks Authority, situato vicino a Yotvata. Gli animali in via di estinzione menzionati nella Bibbia sono allevati qui per una possibile reintroduzione nel deserto del Negev. L’asino selvatico asiatico è già stato reintrodotto nel Ramon Makhtesh in natura. Inoltre il parco ospita alcuni rari animali del deserto, che non sono nativi di Israele, come l’orice dalle corna a scimitarra e lo struzzo dal collo rosso dall’Africa settentrionale.
  • 9) Gan HaShlosha: noto anche con il nome arabo Sakhne, è un parco nazionale situato tra i kibbutz Beit Alfa e Nir David e ha acqua calda naturale dove i visitatori possono nuotare tutto l’anno. L’acqua di sorgente che emerge nella parte occidentale del parco mantiene una temperatura costante tutto l’anno di 28 gradi Celsius.
  • 10) Banias: è un fiume della Siria e di Israele, lungo circa 15 km, affluente di sinistra del Giordano. Il fiume è noto anche come Nahal Hermon o Nahal Banyas. La sorgente ha origine in profondità sotto il monte Hermon: le acque scorrono sotto il terreno in sistemi carsici e si manifestano in una località nota come Grotte di Banyas posta a 400 m di altitudine. Da qui il fiume scende rapidamente di circa 190 metri in 3 km, scavando un profondo canale nella roccia basaltica. A causa della sua velocità l’acqua ha una temperatura che anche in estate non sale oltre i 16 °C. In questo percorso il fiume forma le cascate di Banyas, che pur essendo alte solo 10 metri sono le più belle di Israele. Dopo circa 9 chilometri, il fiume Banyas incontra il fiume Dan e i due fluiscono nel fiume Giordano ad una altitudine di circa 80 m s.l.m.

Ed ora…un breve video per mostrarvi le immagini più rappresentative di questi splendidi luoghi naturali!

Blog, News, Eventi
Un salto a Cana, sfogliando il diario di uno dei viaggi fatti in Terra Santa

In pellegrinaggio verso Cana, tra negozi di souvenirs, e le emozioni delle coppie che qui rinnovano il loro amore.

continua
Tel Aviv raddoppierà le piste ciclabili della città entro il 2025

La Municipalità di Tel Aviv-Yafo ha approvato un piano strategico che prevede di aggiungere 11 strade pedonali alla viabilità urbana ..

continua
"Teniamo vivo il nostro diritto alla pace": la Tent of Nations e la resistenza silenziosa di Daoud Nassar

A dieci chilometri da Betlemme, Daoud Nassar, palestinese di religione cristiana, ha fondato vent'anni fa la Tent of Nations, una fattoria ..

continua
Israele, nel mosaico di 1500 anni fa la moltiplicazione dei pani e dei pesci

In un sito archeologico a Sussita, sulla sponda orientale del lago di Tiberiade in Israele, è tornato alla luce un pavimento musivo di ..

continua
Ritorna a Tel Aviv il leggendario "Drive In"

Il comune di Tel Aviv-Yafo, in collaborazione con la Tel Aviv Cinematheque, invita tutti gli appassionati di cinema all'aperto a ..

continua
Turismo Israele: al via bando per lo sviluppo di due complessi di ospitalità nel deserto del Negev 

Una gara simbolo della volontà di sviluppo di un turismo outdoor che possa coniugare l'eccellenza del territorio e la sua originalità con ..

continua
Emmaus Trail: un percorso da Abu Gosh ad Emmaus

Nel nostro appuntamento periodico di approfondimento sui cammini a piedi, vi portiamo in Israele, lungo l'Emmaus Trail che offre ai ..

continua
Bethlehem Reborn. Le meraviglie della natività.

La mostra, fortemente voluta e sostenuta dall’Ambasciata dello Stato della Palestina presso la Santa Sede in collaborazione con la ..

continua
Presentazione della guida "Terra Santa in Tasca"

Martedì 14 luglio ore 17:00, la nostra direttrice Gabriella Pizzi presenterà il volume "Terra Santa in Tasca". Qui i link alla diretta. ..

continua
I capolavori delle collezioni dei Francescani di Terra Santa

Giovedì 2 luglio ore 17:30, presentazione del volume "Selected Works from the collections of the Terra Sancta Museum". Qui i link alla ..

continua
Condividi
email whatsapp telegram facebook twitter pinterest
Contattaci

* dati obbligatori

FrateSole Viaggeria Francescana
agenzia viaggi tour operator
UFFICIO DI BOLOGNA:
via M. D'Azeglio, 92/d Bologna
tel: 051 6440168 - fax: 051 6447427
email: info@fratesole.com

UFFICIO DI ROMA:
Via Francesco Berni, 6 Roma
tel: 06 77206308 – fax: 06 77254142
email: pellegrinaggicustodia@fratesole.com


IBAN: IT35 D 05387 02416 000001170344 (Banca Popolare dell’Emilia Romagna)
Versione spagnola
FrateSole Viajes y Peregrinaciones - Viajar con fe, arte y cultura
Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter,
ti informeremo su attività e proposte di viaggio!

Iscriviti!
Seguici su..
© "FrateSole Viaggeria Francescana" della Provincia S. Antonio dei Frati Minori - P.Iva/Cod.fiscale: 01098680372
privacy & cookie policy