Cerca partenze
Newsletter
Seguici su..

Le “piccole Gerusalemme”: evocazioni di Terra Santa sul Sacro Monte di Varallo Sesia

I Sacri Monti sono apparsi tra la fine del XV e l’inizio del XVI secolo, con l’idea di creare in europa luoghi di preghiera alternativi ai luoghi santi di Gerusalemme e della Palestina, ai quali l’accesso dei pellegrini diventava sempre più difficile a causa della rapida espansione della cultura musulmana.
L’idea dell’edificazione di un Sacro Monte posizionato su di una parete rocciosa che domina l’abitato di Varallo fu concepita nel 1481 dal beato Bernardino Caimi (1435 – 1500), religioso francescano, già custode del Santo Sepolcro a Gerusalemme nel 1478 . Alla base del progetto vi era il desiderio di realizzare una “Nuova Gerusalemme” riproducendo non solo la Basilica del Santo Sepolcro, ma tutti i luoghi santi in cui meditare sui misteri della vita di Gesù Cristo: tale replica avrebbe potuto costituire la meta di un pellegrinaggio alternativo a quello vero divenuto impossibile perché troppo pericoloso, consentendo così ai fedeli di viverne la spiritualità ripercorrendone gli itinerari. Da qui parte il progetto di un percorso devozionale sulle tracce della memoria dei luoghi sacri che doveva essere corredato da immagini finalizzate ad aiutare il credente-spettatore ad immedesimarsi nella storia riportata nelle Sacre Scritture, in una sorta di esegesi dei Vangeli. Infatti dietro a queste rappresentazioni vi era una forte intenzione didattica, che è poi alla base della spiritualità francescana, attenta a promuovere l’immedesimazione dei fedeli con l’esempio dato dalla figura di Gesù.
Il progetto del beato Caimi trovò felice concretizzazione, a partire dai primi decenni del XVI secolo grazie all’opera del pittore, scultore e architetto Gaudenzio Ferrari (1475/1480 – 1546), che divenne il vero regista e protagonista dell’impresa del Sacro Monte; vi lavorò per circa quindici anni (1513-1529) come progettista di alcune cappelle, autore di numerose statue e di dipinti murali ad affresco che fanno da sfondo alle scene sacre. Suo è, anche, il lascito creativo e progettuale che segnerà le produzioni artistiche successive.
Il progetto dell’architetto Ferrari, proietta il pellegrino sulle alture della Terrasanta nei luoghi di  Cristo. La nascita di Gesù a Betlemme e la sua morte sul Calvario sono i temi centrali, a cui corrispondono i nuclei principali dell’impianto. Quello più in basso di Nazareth e Betlemme e quello più elevato della Città di Gerusalemme. L’accesso alla Città avviene dalla Via Dolorosa che dalla Porta d’ingresso sale diritta fino alla piazza sulla sommità del Monte. I quattro colli sui quali si svolgono le scene della Passione – Sion, Calvario, Tabor, Oliveto e il Gethsemani – dominano lo spazio.
L’intero progetto fu poi portato avanti e in parte stravolto nel corso di un paio di secoli. La plurisecolare vicenda costruttiva del Sacro Monte ha, infatti, in gran parte celato l’originaria configurazione della Gerusalemme di Bernardino Caimi. Allo stato attuale Il complesso è formato da una cinquantina di edifici, fra cui tre croci, una basilica e quarantaquattro cappelle decorate: ogni cappella rappresenta mediante affreschi (circa 4.000 figure) e gruppi di statue (circa 400 ad altezza naturale), scene della vita di Gesù Cristo.
Molti dei monumenti descritti nelle primissime fonti sono stati distrutti o inglobati in edificazioni successive, ma ciò non toglie che ancora oggi questo spazio finemente progettato, può verosimilmente proiettare il pellegrino all’interno delle scene della Passione di Cristo, così da fargli sentire di aver davvero compiuto QUEL viaggio, IL viaggio atteso da una vita in Terrasanta, che magistralmente viene così viene descritta dallo storico Franco Cardini nell’introduzione dell’edizione italiana del libro “Memorie di terrasanta” di Maurice Halbwachs:

“[…] è una terra in gran parte arida, eppure sa essere dolcissima. Da millenni, chi la conosce giura che vi scorrono il latte e il miele, per quanto irrigarla con sottili fili d’acqua sia duro e costoso. L’hanno sognata e la sognano migliaia di uomini; e altre migliaia sono caduti per averla per sé, per strapparla a un nemico che a sua volta l’amava. E’ una terra dove odio e amore si compenetrano e dove l’uno misteriosamente genera l’altro. Molti, fra quanti l’hanno vista una volta sola, col passare degli anni finiscono per chiedersi se lo scopo ultimo e più profondo della loro vita, quello che li tiene con tutte le forze attaccati al mondo, non sia semplicemente il rivederla di nuovo, ancora e poi ancora.”

(written by: Valentina Prisco)

Per approfondire:

  •  www.sacromontedivarallo.org – sito ufficiale del complesso monumentale (da cui sono tratte le immagini)
Blog, News, Eventi
Turismo Israele: al via bando per lo sviluppo di due complessi di ospitalità nel deserto del Negev 

Una gara simbolo della volontà di sviluppo di un turismo outdoor che possa coniugare l'eccellenza del territorio e la sua originalità con ..

continua
Emmaus Trail: un percorso da Abu Gosh ad Emmaus

Nel nostro appuntamento periodico di approfondimento sui cammini a piedi, vi portiamo in Israele, lungo l'Emmaus Trail che offre ai ..

continua
Bethlehem Reborn. Le meraviglie della natività.

La mostra, fortemente voluta e sostenuta dall’Ambasciata dello Stato della Palestina presso la Santa Sede in collaborazione con la ..

continua
Il Miglio Sacro

Come ogni settimana vi proponiamo articoli alla scoperta della nostra Italia (della serie “Discover Italy”), legati ai viaggi che vi ..

continua
Citerna, uno dei borghi più belli d'Italia

Conosciuta in epoca romana come Civitas Sobariae, Citerna è una graziosa cittadina riconosciuta come uno dei Borghi più belli ..

continua
Il Santuario di Greccio

Conosciuto in tutto il mondo come la Betlemme Francescana, il Santuario è un poderoso complesso architettonico che sembra sorgere dalla ..

continua
Il Santuario della Madonna del Frassino

Custodito dai Frati Minori Francescani e meta, ogni anno, di migliaia di pellegrini, il santuario della Madonna del Frassino sorge sul ..

continua
L’abbazia di Sant’Urbano e il suo occhio luminoso

Oggi vi portiamo all’abbazia di Sant’Urbano, che sorge al centro della Valle di San Clemente, nelle Marche. Una vallata segreta, ricca ..

continua
I nostri nuovi "Itinerari Tricolore"

Una collezione di percorsi non solo spirituali ma anche naturalistici, che si sviluppano lungo paesaggi artistici di chiese, case e borghi ..

continua
Collina: Figline Valdarno, Toscana

Andiamo a scoprire nel dettaglio alcune delle visite che è possibile effettuare nei dintorni del Norcenni Girasole Village (Figline ..

continua
Condividi
email whatsapp telegram facebook twitter pinterest
Contattaci

* dati obbligatori

FrateSole Viaggeria Francescana
agenzia viaggi tour operator
UFFICIO DI BOLOGNA:
via M. D'Azeglio, 92/d Bologna
tel: 051 6440168 - fax: 051 6447427
email: info@fratesole.com

UFFICIO DI ROMA:
Via Francesco Berni, 6 Roma
tel: 06 77206308 – fax: 06 77254142
email: pellegrinaggicustodia@fratesole.com


IBAN: IT35 D 05387 02416 000001170344 (Banca Popolare dell’Emilia Romagna)
Seguici su..
Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter,
ti informeremo su attività e proposte di viaggio!

Iscriviti!
© "FrateSole Viaggeria Francescana" della Provincia S. Antonio dei Frati Minori - P.Iva/Cod.fiscale: 01098680372
privacy & cookie policy