Cerca partenze
Newsletter
Seguici su..

Laodicea la bianca Itinerari in Turchia

Sorge sul fiume Lico, affluente del Meandro, in Frigia (nell’attuale Turchia).
Nel 2011 ritornò alla luce l’antica basilica di Laodicea.

Laodicea colpisce per il biancore delle sue colonne, molte delle quali riemerse intatte da una campagna di scavo condotta prima dall’Università del Québec, poi da Gustavo Traversari dell’Università di Venezia (1994-2000) e infine dall’Università turca di Pamukkale. Città della Frigia, deve il suo nome al sovrano seleucide Antioco II, che la rifondò dandole il nome della moglie Laodice. In precedenza era nota con il nome di Diospolis e poi Rhoas. Situata nella valle del fiume Lico (Lykos, oggi Çürüksu), un affluente del Meandro, era rinomata in epoca romana per le sue vesti di lana e per essere un centro di scambi commerciali e finanziari. L’imperatore Adriano la visitò forse una prima volta nel 123-124, certamente nel 129-130.

L’importanza di Laodicea oggi è duplice. Per l’archeologia è un importante campo di studio e di ricerca, con i suoi templi, teatri e ninfei, e con un impianto urbanistico di grande rilevanza. Per il cristianesimo, Laodicea offre la possibilità di un ritorno alle radici. La città ricevette il cristianesimo sin dai tempi apostolici ed è una delle sette chiese citate nell’Apocalisse di san Giovanni, sede di una fiorente comunità cristiana.

Qui si tenne un sinodo, i cui canoni hanno notevole importanza per la storia della Chiesa, e che si svolse probabilmente nel 364. Il testo dei sessanta canoni greci che noi possediamo è, secondo gli studiosi, un sunto dei canoni originali. In almeno cinque canoni è chiaro che sono riprodotte disposizioni disciplinari già sancite a Nicea. Le norme non vertono su questioni di fede e di dottrina, ma unicamente su questioni disciplinari e liturgiche. Ci si occupa di matrimoni, battesimi, confessioni, digiuni, eresie, rapporti con giudei e non cristiani. Alcuni canoni intendono reprimere pratiche idolatriche e magiche. Si prescrive che in chiesa si debbano proclamare solo i libri della Sacra Scrittura e se ne fissa il canone.

La città soffrì molto a causa dalle incursioni musulmane a partire dalla fine del VII secolo. Fu occupata poi dai turchi selgiuchidi nel XII secolo e in seguito dagli ottomani. Nel 1402 fu praticamente rasa al suolo dai mongoli.

Del 2011 è la scoperta più eclatante per il mondo cristiano. Fu ritrovata dal professor Celal Simsek, capo della missione archeologica turca, la grande basilica dell’antica Laodicea, che risale all’epoca bizantina. La comunità cristiana di Laodicea è citata nella Lettera ai Colossesi di san Paolo e poi viene menzionata come una delle sette chiese dell’Asia minore di cui parla il libro dell’Apocalisse. Gli esegeti ipotizzano che la chiesa di Laodicea sia nata da Epafra, un colossese convertitosi al cristianesimo forse dopo aver ascoltato la predicazione di Paolo a Efeso.

Giulio Carulli
fonte: terrasanta.net

 

Calendario Partenze
Blog, News, Eventi
La Chiesa rupestre di San Pietro ad Antiochia (Turchia)

L'antica chiesa rupestre di San Pietro conosciuta come Grotta di San Pietro, è considerata una delle prime chiese cristiane, costruita sul ..

continua
La festa dei Santi Pietro e Paolo in Turchia

Ogni anno nella città di Antakia, la festività dei Santi Pietro e Paolo si trasforma in una occasione per i cristiani di diverse ..

continua
Viaggio in Turchia alla scoperta della danza dei dervisci rotanti

In occasione della Giornata Internazionale della Danza promossa dall'International Dance Council, vogliamo portarvi in Turchia, attraverso ..

continua
Viaggio in Turchia sulle orme di San Paolo

Questa terra oltre ad ospitare tantissimi monumenti, chiese, luoghi abitati e sacri molto significativi per il Cristianesimo, è stata ..

continua
Laodicea la bianca

Sorge sul fiume Lico, affluente del Meandro, in Frigia (nell’attuale Turchia). Nel 2011 ritornò alla luce l’antica basilica di ..

continua
Dialogo ecumenico e interreligioso in Turchia: la Fraternità Internazionale

L'esperienza del nostro animatore spirituale Luca Bombelli in Turchia al corso della Fraternità francescana di Istanbul.

continua
"Rab Sizinle": padre Paolo Bizzeti ordinato Vescovo dell'Anatolia

Con il motto Rab Sizinle - Il Signore è con voi in lingua turca - ieri il giorno di tutti i santi del 2015 è stato ordinato Vescovo ..

continua
In cerca di Bisanzio sul Caucaso

Vi invitiamo a leggere l'interessante reportage di Sergio Basso - regista e sceneggiatore - pubblicato nei giorni scorsi sulla pagina web ..

continua
padre Paolo Bizzeti SI è il nuovo vescovo dell'Anatolia

“Ho approfondito la conoscenza dei tanti luoghi biblici, delle piccole comunità cristiane esistenti, ho portato molti gruppi di ..

continua
Le città più antiche in Europa. E non solo.

Una bella gallery di immagini ripresa da Repubblica mostra alcuni tra i più antichi e interessanti siti archeologici, da Lisbona fino a ..

continua
Condividi
email whatsapp telegram facebook twitter pinterest
Contattaci

* dati obbligatori

FrateSole Viaggeria Francescana
agenzia viaggi tour operator
UFFICIO DI BOLOGNA:
via M. D'Azeglio, 92/d Bologna
tel: 051 6440168 - fax: 051 6447427
email: info@fratesole.com

UFFICIO DI ROMA:
Via Francesco Berni, 6 Roma
tel: 06 77206308 – fax: 06 77254142
email: pellegrinaggicustodia@fratesole.com


IBAN: IT35 D 05387 02416 000001170344 (Banca Popolare dell’Emilia Romagna)
Seguici su..
Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter,
ti informeremo su attività e proposte di viaggio!

Iscriviti!
© "FrateSole Viaggeria Francescana" della Provincia S. Antonio dei Frati Minori - P.Iva/Cod.fiscale: 01098680372
privacy & cookie policy
 
Avviso

Si avvisano i nostri pellegrini e viaggiatori,

che i nostri uffici saranno aperti con orario ridotto dalle 9:00 alle 13:00 dal giorno 10 al 13 agosto compresi. Il 14 agosto saremo chiusi tutto il giorno.

lo staff FrateSole

 

  • SOLO per emergenze, contattare il numero: 3271533257
continua →