Cerca partenze
Newsletter
Seguici su..

Ricordi di viaggio: una riflessione dall’Armenia articolo di Fabiano D'Arrigo

In occasione di un viaggio in Armenia nell’agosto 2018,ho potuto visitare il Memoriale del Genocidio Armeno.

Appena fuori la città di Yerevan, sulla Collina delle Rondini, si trova il complesso del Memoriale e del Museo del Genocidio (Tsitsernakaberd), che commemorano il Grande Male (Metz Yeghem) ovvero il genocidio del popolo armeno perpetrato dal governo dittatoriale dei Giovani Turchi fra il 1915 e il 1917.

Durante la prima guerra mondiale l’impero ottomano, governato dai Giovani turchi e alleato degli imperi centrali, mise in atto un piano di sterminio della popolazione armena, caparbiamente cristiana dal lontano 301 d. C., e a partire dall’alba di sabato 24 aprile 1915 procedette all’arresto arbitrario e all’assassinio di molti intellettuali armeni residenti a Costantinopoli.

Nel tempo seguente vennero arrestati,deportati e massacrati uomini, donne, vecchi e bambini armeni prima dell’Anatolia orientale poi di quella occidentale e della Cilicia.

La pulizia etnica e la persecuzione degli armeni continuarono in Turchia anche a guerra conclusa fino al 1922.

Un milione e mezzo di persone persero la vita e la presenza armena nell’Anatolia orientale venne cancellata.

Le richieste di intervento per fermare quello che successivamente sarebbe stato considerato il primo genocidio del Novecento furono pochissime.

Infatti la guerra assorbiva le forze delle grandi potenze europee e distraeva l’attenzione di tutti.

Pochi coraggiosi missionari,medici e diplomatici stranieri alzarono la voce, ma invano.

Il console italiano Giacomo Gorrini il 25 agosto 1915 rilasciò un’intervista a IL MESSAGGERO per denunciare i massacri. Su IL RESTO DEL CARLINO del 15 ottobre 1915 venne pubblicato un appello di notabilità svizzere sulla ferocia turca contro gli armeni allo scopo di annientare sistematicamente un popolo (quello armeno) e stabilire nell’impero turco la supremazia islamica. Lo stesso papa Benedetto XV scrisse al sultano per deplorare il massacro.

Hitler nel 1939,in procinto di invadere la Polonia,chiese provocatoriamente chi ricordasse e parlasse più del genocidio degli armeni.

La Turchia da sempre nega le proprie responsabilità e non ammette che si trattasse di genocidio. Anche la società occidentale fatica a ricordare lo sterminio armeno: l’ONU ha riconosciuto il genocidio nel 1985 e l’Italia nel 2000. Di contro la Chiesa apostolica armena  venera i martiri del genocidio come santi.

Gli armeni nel 1967, annessi all’URSS dal 1920 e ancora perseguitati per il loro credo religioso, riuscirono a ottenere dalle autorità sovietiche il permesso di costruzione del Memoriale del Genocidio: un riconoscimento importante e insolito nel regime sovietico.

Un lungo viale con a lato un muro di basalto, dove sono inscritti i nomi della città dei massacri, porta al Memoriale composto da una stele alta 44 metri e divisa in due parti. Vicino alla stele si ergono 12 lastre sempre di basalto disposte a cerchio e inclinate verso lo spazio interno, al centro del quale brucia una fiamma in ricordo delle vittime.

In uno spazio adiacente è stato costruito nel 1995 un museo che espone pannelli e documenti del genocidio armeno.

All’intorno c’è il Giardino dei Giusti, dove da parte di personalità sono stati piantati gli alberi per ricordare le persone straniere (i giusti) che hanno aiutato gli armeni. Sono visibili anche gli alberi piantati da papa Giovanni Paolo II e da papa Francesco.

Ogni 24 aprile gli armeni, benché attualmente provati da una lunga crisi economica e dalla povertà dopo la dissoluzione dell’URSS e la proclamazione della Repubblica d’Armenia nel 1991, risalgono la Collina delle Rondini per posare un fiore sulla base circolare che circonda la fiamma accesa in ricordo delle vittime.

Anche io, assieme a mia moglie Donatella e ai miei compagni di viaggio, ho deposto un piccolo fiore e in silenzio ho meditato sulle sciagure e sulle speranze di un importante e singolare popolo del Caucaso.

FABIANO D’ARRIGO

 

Calendario Partenze
Blog, News, Eventi
Armenia: arte, storia e itinerari della più antica nazione cristiana

Alberto Elli ci conduce in viaggio tra l'arte, la storia e gli itinerari dell'Armenia, la cui identità cristiana, viene coraggiosamente ..

continua
Consigli di lettura: l'Armenia in tavola, un libro di ricette "per non dimenticare"

In questo periodo di clausura forzata nelle nostre case, molti di noi si stanno cimentando in cucina, sperimentando nuove ricette e piatti ..

continua
Ricordi di viaggio: una riflessione dall'Armenia

In occasione di un viaggio in Armenia nell’agosto 2018,ho potuto visitare il Memoriale del Genocidio Armeno. Appena fuori la città di ..

continua
L'ultima dimora di Hripsimeh

A poca distanza dalla cattedrale di Echmiadzin, in Armenia, sorge il santuario dedicato alla santa romana Crispina, il cui martirio è ..

continua
Armenia, profilo di una Chiesa

Il cristianesimo in Armenia ha radici antichissime: vi sarebbe giunto ad opera dei discepoli Taddeo e Bartolomeo. Secondo alcune fonti, ..

continua
Il primo film turco sul genocidio armeno

Inverno 1915. I piccoli Bedo e Maryam, fratello e sorella, trascorrono felici le loro giornate in un villaggio armeno dell’Anatolia ..

continua
Le città più antiche in Europa. E non solo.

Una bella gallery di immagini ripresa da Repubblica mostra alcuni tra i più antichi e interessanti siti archeologici, da Lisbona fino a ..

continua
L'Armenia, l'Iran e l'origine della stampa

Riportiamo questo interessante articolo comparso sul sito dell'Osservatorio Balcani e Caucaso e scritto da Simone Zoppellaro. A Isfahan, ..

continua
Armenia e Russia

Riportiamo l'interessante articolo di Narek Mkrtchyan apparso sul sito balcaniecaucaso.org, che offre una lucida analisi dei rapporti ..

continua
L'Armenia secondo Vasilij Grossman

Su balcaniecaucaso.org è stato pubblicato un altro interessante articolo di Simone Zoppellaro in cui si parla di Vasilij Grossman e della ..

continua
Condividi
email whatsapp telegram facebook twitter pinterest
Contattaci

* dati obbligatori

FrateSole Viaggeria Francescana
agenzia viaggi tour operator
UFFICIO DI BOLOGNA:
via M. D'Azeglio, 92/d Bologna
tel: 051 6440168 - fax: 051 6447427
email: info@fratesole.com

UFFICIO DI ROMA:
Via Francesco Berni, 6 Roma
tel: 06 77206308 – fax: 06 77254142
email: pellegrinaggicustodia@fratesole.com


IBAN: IT35 D 05387 02416 000001170344 (Banca Popolare dell’Emilia Romagna)
Seguici su..
Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter,
ti informeremo su attività e proposte di viaggio!

Iscriviti!
© "FrateSole Viaggeria Francescana" della Provincia S. Antonio dei Frati Minori - P.Iva/Cod.fiscale: 01098680372
privacy & cookie policy
 
Avviso

Si avvisano i nostri pellegrini e viaggiatori,

che i nostri uffici saranno aperti con orario ridotto dalle 9:00 alle 13:00 dal giorno 10 al 13 agosto compresi. Il 14 agosto saremo chiusi tutto il giorno.

lo staff FrateSole

 

  • SOLO per emergenze, contattare il numero: 3271533257
continua →