Cerca partenze
Newsletter
Seguici su..

Armenia, profilo di una Chiesa

Il cristianesimo in Armenia ha radici antichissime: vi sarebbe giunto ad opera dei discepoli Taddeo e Bartolomeo. Secondo alcune fonti, già a metà del Secondo secolo giungono nelle valli armene i primi missionari da Edessa e si creano primi nuclei di fedeli. A metà del Terzo secolo una lettera dall’Egitto di Dionigi di Alessandria è indirizzata ad un vescovo armeno. Il 301 è però la data chiave nella storia del cristianesimo; essa segna infatti la conversione del re Tiridate (e conseguentemente di tutto il regno) ad opera di Gregorio l’Illuminatore, educato alla fede cristiana in Cappadocia, dove era riparato per mettersi in salvo dai conflitti in atto tra Armenia e Persia. Da allora inizia una lunga storia di fede e di martirio, che culmina nel genocidio armeno di inizio Novecento, durante il quale perirono anche oltre 100 mila armeni cattolici.

Un altro momento imprescindibile nella storia dell’Armenia è la traduzione delle Sacre Scritture ad opera del monaco Mesrop, che «inventa» nel 404-405 un alfabeto di 36 lettere in grado di mettere per iscritto la lingua parlata dal popolo. Nasce dunque in questi primi secoli l’identità armena, fondata sulla cultura e la fede cristiana.

La Chiesa apostolica armena – che si richiama appunto alla predicazione dei primi discepoli – conta circa 6 milioni di fedeli. Gli armeni sparsi per il mondo sarebbero oggi circa 10 milioni, 3 milioni dei quali sono nei Paesi dell’ex Unione Sovietica.

Attualmente in Armenia i cattolici sono 280 mila su una popolazione totale di poco meno di 3 milioni di abitanti. La gerarchia cattolica, dopo secoli di tentativi uniatisti, venne formalmente costituita nel 1740, con l’elezione ad Aleppo del patriarca Abraham Ardzivian, rientrato ad Aleppo dopo sette anni di prigionia e vent’anni di esilio volontario nel monastero di Kreim (in Libano). Nel 1742 il nuovo patriarca ricevette da papa Benedetto XIV il riconoscimento della sua elezione ed il pallio.

Alla fine del Diciannovesimo secolo la Chiesa armeno-cattolica comprendeva 4 arcidiocesi: Costantinopoli, Aleppo, Mardin e Sivas-Tokat; 12 diocesi: Alessandria d’Egitto, Ancira (Ankara), Adana, Marasc (Kahramanmaraş), Erzerum, Cesarea di Cappadocia (Kayseri), Melitene (Malatya), Musc-Van (Muş), Prusa (Bursa), Amida (Diyarbakır), Trebisonda (Trabzon), Karput (Harput). Inoltre 9 vicariati patriarcali: Artvin, Baghdad, Gerusalemme, Zmar, Smirne, Nicomedia, Ispahan, Beirut, Deir el-Zor. Di queste 25 circoscrizioni ecclesiastiche, 16 erano incluse in territori dell’attuale Turchia.

Con il “Grande Male” – il genocidio armeno – anche i cattolici hanno pagato un prezzo altissimo. Secondo alcune fonti, oltre alla distruzione di 156 chiese, 32 conventi, 148 scuole e 6 seminari, la Chiesa cattolica armena ha visto perire 270 religiose e 300 preti.

Oggi la struttura della Chiesa cattolica di rito armeno è così articolata: il patriarcato di Cilicia degli Armeni, con sede a Bzoomar (Beirut), la cui giurisdizione si estende alle eparchie di Alessandria (Egitto), Isphan (Iran) e Kamichlié (Siria) oltre che agli esarcati di Gerusalemme-Amman e di Damasco. Ci sono poi eparchie armeno cattoliche ad Aleppo, Baghdad, Costantinopoli e Leopoli. Il territorio dell’Armenia attuale e dei territori dell’ex Unione sovietica ricadono sotto l’ordinariato dell’Europa orientale con sede a Gyumri e di cui è arcivescovo Raphael Minassian.

Importantissima, ormai, la presenza dei cattolici armeni in diaspora, con le eparchie di Nostra Signora di Nareg in Glendale (Stati Uniti e Canada), della Santa Croce di Parigi (Francia), di San Gregorio di Narek in Buenos Aires (Argentina). Esiste anche un esarcato apostolico d’America Latina e Messico, con giurisdizione su Brasile e Messico. In Europa si contano due altri ordinariati, in Grecia e Romania.

In Italia la comunità armeno-cattolica vede il suo centro principale nel monastero di San Lazzaro a Venezia, fondato dai monaci mechistaristi, che sono tra i principali attori del dialogo ecumenico con la Chiesa apostolica nel corso degli ultimi secoli. A Roma dal 1883 opera il Pontificio collegio armeno e ha sede la casa generalizia delle Suore armene cattoliche dell’Immacolata Concezione, congregazione fondata nel 1847 a Costantinopoli da Antonio Hassun, in seguito patriarca degli armeno-cattolici.

© Terrasanta.net
Articolo di Giuseppe Caffulli

 

 

Calendario Partenze
Blog, News, Eventi
Armenia: arte, storia e itinerari della più antica nazione cristiana

Alberto Elli ci conduce in viaggio tra l'arte, la storia e gli itinerari dell'Armenia, la cui identità cristiana, viene coraggiosamente ..

continua
Consigli di lettura: l'Armenia in tavola, un libro di ricette "per non dimenticare"

In questo periodo di clausura forzata nelle nostre case, molti di noi si stanno cimentando in cucina, sperimentando nuove ricette e piatti ..

continua
Ricordi di viaggio: una riflessione dall'Armenia

In occasione di un viaggio in Armenia nell’agosto 2018,ho potuto visitare il Memoriale del Genocidio Armeno. Appena fuori la città di ..

continua
L'ultima dimora di Hripsimeh

A poca distanza dalla cattedrale di Echmiadzin, in Armenia, sorge il santuario dedicato alla santa romana Crispina, il cui martirio è ..

continua
Armenia, profilo di una Chiesa

Il cristianesimo in Armenia ha radici antichissime: vi sarebbe giunto ad opera dei discepoli Taddeo e Bartolomeo. Secondo alcune fonti, ..

continua
Il primo film turco sul genocidio armeno

Inverno 1915. I piccoli Bedo e Maryam, fratello e sorella, trascorrono felici le loro giornate in un villaggio armeno dell’Anatolia ..

continua
Le città più antiche in Europa. E non solo.

Una bella gallery di immagini ripresa da Repubblica mostra alcuni tra i più antichi e interessanti siti archeologici, da Lisbona fino a ..

continua
L'Armenia, l'Iran e l'origine della stampa

Riportiamo questo interessante articolo comparso sul sito dell'Osservatorio Balcani e Caucaso e scritto da Simone Zoppellaro. A Isfahan, ..

continua
Armenia e Russia

Riportiamo l'interessante articolo di Narek Mkrtchyan apparso sul sito balcaniecaucaso.org, che offre una lucida analisi dei rapporti ..

continua
L'Armenia secondo Vasilij Grossman

Su balcaniecaucaso.org è stato pubblicato un altro interessante articolo di Simone Zoppellaro in cui si parla di Vasilij Grossman e della ..

continua
Condividi
email whatsapp telegram facebook twitter pinterest
Contattaci

* dati obbligatori

FrateSole Viaggeria Francescana
agenzia viaggi tour operator
UFFICIO DI BOLOGNA:
via M. D'Azeglio, 92/d Bologna
tel: 051 6440168 - fax: 051 6447427
email: info@fratesole.com

UFFICIO DI ROMA:
Via Francesco Berni, 6 Roma
tel: 06 77206308 – fax: 06 77254142
email: pellegrinaggicustodia@fratesole.com


IBAN: IT35 D 05387 02416 000001170344 (Banca Popolare dell’Emilia Romagna)
Seguici su..
Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter,
ti informeremo su attività e proposte di viaggio!

Iscriviti!
© "FrateSole Viaggeria Francescana" della Provincia S. Antonio dei Frati Minori - P.Iva/Cod.fiscale: 01098680372
privacy & cookie policy